Chiusura in perdita anche per le altre borse europee

Piazza Affari chiude in rosso: Ftse Mib -1,06%

ultimo aggiornamento: 22 febbraio, ore 20:01
Milano, 22 feb. - (Adnkronos) - Seduta dimezzata per Piazza Affari, bloccata per tutta la mattina a causa di un guasto . Borsa italiana:"Siamo dispiaciuti per il problema tecnico". Fra i titoli pi sensibili alla situazione in Libia Impregilo cede il 2,08%, Saipem l'1,86% e Unicredit l'1,82%.Limita i danni Eni con una flessione dello 0,86% (VIDEO)


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 22 feb. - (Adnkronos) - La situazione politica in Libia e in Nordafrica continua a pesare sulle borse europee. Dopo i forti cali di ieri, le piazze finanziarie d'Europa hanno chiuso una nuova seduta in rosso, limitando i danni sul finale. Seduta dimezzata per Piazza Affari, bloccata per tutta la mattina a causa di un guasto tecnico. Borsa Italiana"nell'esprimere il proprio dispiacere per quanto accaduto gi impegnata attivamente per impedire il ripetersi di tale situazione".

Londra segna una flessione dello 0,30%, Francoforte dello 0,05% e Parigi dell'1,15%. A Milano il Ftse Mib segna un calo dell'1,06%. Fra i titoli pi sensibili alla situazione in Libia Impregilo cede il 2,08% a 2,26 euro, Saipem l'1,86% e Unicredit l'1,82%. Male anche Finmeccanica, che cede l'1,35%, mentre Eni limita i danni, con una flessione dello 0,86%. Fra i titoli che hanno accusato i maggiori cali sul Ftse Mib si segnalano Banco Popolare (-2,58%), Generali (-2,22%) e Fondiaria-Sai (-1,84%). Oggi a mercati chiusi il gruppo assicurativo ha annunciato che, secondo i dati preliminari, il 2010 stato archiviato con una raccolta premi complessiva del lavoro diretto di 12.943 milioni, in crescita del 5,3%.

Fra gli altri titoli del Ftse Mib Intesa Sanpaolo arretra dell'1,67%, Mediobanca dell'1,53%, Enel dell'1,04% e Fiat Industrial dello 0,89%. Telecom Italia limita i danni con una flessione dello 0,10%. Tim Brasil ha chiuso il 2010 con un utile netto di 2,2 miliardi di real, pari a circa 965 milioni di euro, in crescita del 176% su base annua. Il dividendo proposto per il 2010 di 497 milioni di real, 293 milioni in pi rispetto a quanto distribuito per l'esercizio 2009. Fra i titoli in positivo del listino principale della piazza milanese si distinguono Diasorin (+1,84%), Tenaris (+1,22%), Lottomatica (+0,39%), Atlantia (+0,36%) e Campari (+0,31%).

Sulla parit i titoli delle utility. Sull'All Share Rcs Mediagroup lascia sul terreno l'1,23%. Il presidente di Mittel e del cds di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli, oggi ha spiegato che "non c' in previsione, n per Mittel n per altri, un mutamento nell'ambito dell'azionariato" di Rcs Mediagroup. Il Credito Valtellinese guadagna lo 0,40% dopo la diffusione del piano al 2014. Il Creval prevede di raggiungere un utile di pertinenza della capogruppo di 178 milioni di euro al 2014, con una crescita media annua del 27,2% e un utile per azione di 0,43 euro, con un incremento medio del 19,4%.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Finanza
commenta commenta 0    invia    stampa