Berlusconi: in piazza contro i magistrati cancro democrazia. Anm: inconcepibile

ultimo aggiornamento: 01 marzo, ore 18:54
Milano - (Adnkronos) - Il Cavaliere sceglie il 23 marzo, data della sentenza d'appello del processo sui diritti tv per manifestare contro la magistratura. Le toghe insorgono: "Inammissibile paragonarci a una malattia"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 1 mar. - (Adnkronos) - Silvio Berlusconi sceglie il 23 marzo per manifestare contro la magistratura, "cancro e patologia" della democrazia. Una data non casuale, scelta e annunciata oggi dal Cavaliere a margine del suo intervento in tribunale a Milano dove imputato per frode fiscale nel processo d'appello sui diritti tv. Proprio il 23 marzo, infatti, prevista la sentenza d'appello del processo sui diritti tv. L'ex premier stato condannato in primo grado a 4 anni e oggi il pg di Milano Laura Bertol Viale ha chiesto la conferma della condanna. Con il prossimo verdetto potrebbero essere riconfermati anche l'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, e 3 anni di interdizione dagli uffici direttivi delle imprese: provvedimento esecutivo solo quando si esprimer la Cassazione. Berlusconi si dice sicuro che se non ci saranno "pregiudizi politici", l'unica sentenza possibile sar quella di "assoluzione". Intanto, per, l'ex premier e i suoi sostenitori sono pronti a scendere in piazza.

Una provocazione per l'Anm che per bocca del suo presidente Rodolfo Sabelli insorge: ''Immaginare e sollecitare una manifestazione contro la magistratura o per condizionarne l'azione assolutamente inconcepibile". ''Inammissibile - aggiunge poi Sabelli - paragonare la magistratura a una malattia''. ''Fare riferimento a una malattia una cosa sgradevole anche per tutti coloro che ne soffrono''. ''Sabato -ricorda il presidente dell'Associazione nazionale magistrati - Berlusconi aveva paragonato la magistratura alla mafia: non ammissibile. Era il giorno prima delle elezioni e quindi ci siamo astenuti dal commentare, ma oggi non possiamo rimanere in silenzio...''.

''Stiamo vivendo una fase delicata -sottolinea il leader del sindacato delle toghe- e invocare la piazza contro la magistratura o contro una parte di essa, davvero inconcepibile''. ''Nessuno contesta il diritto di manifestare o criticare -conclude Sabelli- ma invocare una piazza contro le toghe non pensabile. Il rispetto dell'autonomia della magistratura uno dei cardini della nostra democrazia''.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Politica
commenta commenta 0    invia    stampa