Berlusconi all'attacco: "In Italia non c' democrazia, la magistratura toglie libert"

Silvio Berlusconi (Xinhua)  Silvio Berlusconi (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 13 dicembre, ore 19:43
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il leader di Forza Italia alla presentazione di un libro su Bettino Craxi: "Il Pd ha fatto un accordo con la magistratura per assassinare il leader del centrodestra e portare a compimento il disegno di vent'anni di eliminarmi dalla scena politica". Berlusconi: "Se sar arrestato ci sar una rivoluzione in Italia"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 13 dic. (Adnkronos/Ign) - "L'Italia non una democrazia. C' un ordine dello Stato, la magistratura, a cui stato conferito il potere di togliere la libert...". E' l'affondo contro la magistratura lanciato da Silvio Berlusconi durante la presentazione del nuovo libro di Niccol Amato alla fondazione Craxi.

"Non ci potr pi essere un accordo tra Fi e Pd, visto come il Pd si comportato facendo un accordo con la magistratura per assassinare il leader del centrodestra e portare a compimento il disegno di vent'anni di eliminarmi dalla scena politica".

E poi: "Quando si diffuse la notizia di un mio ritorno in campo, si cambi la strategia: oltre ai pm di estrema sinistra, scesero in campo contro di me anche i giudici: tre su tre di estrema sinistra e sono stato condannato".

Ancora una volta il Cavaliere rimarca: "l'Italia l'unico Paese dell'Occidente che ha una magistratura che non controllata e non controllabile. E' una magistratura che ha una completa impunit".

"L'unica soluzione - suggerisce quindi il Cavaliere - per fare la riforma vera della giustizia quella che si mettano insieme tutte le forze del centrodestra per fare una campagna di comunicazione, di convincimento, per far votare gli elettori in modo compatto per un solo partito, cio per noi. Se non ci sar un evento di questo genere, continueremo ad essere un povero Paese, dove i colpi di Stato saranno sempre possibili". Lo ha detto Silvio Berlusconi alla presentazione di un libro su Bettino Craxi, pronosticando presto che il titolo del volume possa cambiare inserendo il suo nome: "da Bettino Craxi, dunque colpevole' a 'Berlusconi, dunque colpevole'.

E ricorda Craxi: "Che facciamo, abbandoniamo la lotta? Vado anche io in un altro Paese? No, io non far mai una cosa del genere. Capisco Bettino, non c'era speranza alcuna ma io sono intenzionato a continuare la lotta, non andr all'estero e lo far anche per il mio amico Bettino".

"Quello di Craxi non stato una latitanza ma un esilio doloroso. Non stato un esilio dorato. Anch'io hi provato quella indignazione e quel dolore quando, il 1 agosto mi hanno condannato con sentenza ingiusta". "Capisco quello che ha provato tuo pap. Anch'io ho provato quella sensazione di esilio dopo la sentenza tant', che per il dolore e l'indignazione non riuscivo pi a dormire. Non riuscivo pi a vedere la gente e me ne sono stato chiuso a casa. Ho perso il sonno per pi di un mese".

"Bettino era una persona buona e giusta. Qualcuno dice che era arrogante. Siccome era molto sincero quando qualcosa non gli andava la contestava subito e questo veniva scambiato per arroganza. Era generoso, fin troppo. E' stato generoso, per esempio, quando ha fatto entrare il partito comunista nella socialdemocrazia..."., ricorda Berlusconi.

"Assicuro che Craxi era il contrario di come lo voleva far credere la stampa. Non mi ha mai chiesto un finanziamento. Mi ricordo una volta ad Arcore io gli feci capire che se aveva bisogno io l'avrei aiutato e lui mi disse: 'se mi fai ancora una proposta del genere qui non ci vengo pi'. Bettino era un giusto e buono, non ha mai chiesto finanziamenti e, vi posso assicurare che non ha lasciato la sua famiglia in condizioni di ricchezza e nemmeno di benessere".

Infine, una battuta: "Ho letto solo le prime 30 pagine del libro. Vuol dire che le altre mi riserver di leggerle quando sar in galera...".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Politica
commenta commenta 0    invia    stampa