'Confronti', Giannino: ''Mai con Monti o Berlusconi ma con Grillo... ''

ultimo aggiornamento: 13 febbraio, ore 19:13
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il leader di 'Fare per fermare il declino': ''La vera novit della prossima legislatura sar la quantit di parlamentari fuori dalla vecchia politica''. Con il M5S ''intesa per dare una svolta alla politica'' (VIDEO). Sui conti pubblici: ''Le ultime previsioni a fine 2012 si sono rivelate troppo ottimistiche, inevitabile che bisogner rimetterci mano''


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 13 feb. (Adnkronos/Ign) - "Noi nasciamo fuori dai vecchi partiti portando una forte critica'' al vecchio sistema ''e non ci alleeremo con i vecchi partiti, n vorremo i soldi pubblici dei contribuenti". Lo afferma il leader di 'Fare per fermare il declino' Oscar Giannino, ospite di 'Adnkronos Confronti' al Palazzo dell'informazione.

''Essere in testa alle graduatorie della raccolta fondi mi fa sorridere - prosegue - non posso immaginare che i grandi partiti raccolgano meno di noi, mi viene da sorridere pensando alla trasparenza altrui''.

Poi ribadisce il proprio 'no' ad alleanze post voto con il Pdl: ''Non ci sar nessuna collaborazione con Berlusconi. Tanti anni alle spalle hanno misurato le sue parole, il suo comportamento e la perdita di credibilit dell'Italia in Europa. Ora il giudizio pu essere solo della storia''.

Alla domanda su una eventuale alleanza con Bersani o con Monti, dopo le elezioni, Giannino non cambia posizione: ''Una collaborazione post voto? No. Non ci sar alcuna collaborazione''. E sottolinea: ''La vera novit di questo parlamento sar la quantit di parlamentari fuori dalla vecchia politica espressi dai cittadini''.

Secondo il leader di 'Fare per fermare il futuro, ''la maggior parte di questa ondata di nuovi parlamentari sar del M5S e poi una pattuglia nostra nuova''. Quindi, aggiunge, ''con un totale pari a un quinto o a un quarto del totale sar una nuova composizione numerica del parlamento che render impossibile al vecchio centrodentra o al vecchio centrosinistra comportarsi come in passato''.

E con il Movimento 5 Stelle immagina una collaborazione? ''Le proposte politiche ed economiche di Grillo non ci convincono per niente - dice - ma immagino che una collaborazione certa su punti di svolta per gli occhi degli italiani ci potr essere'' (VIDEO), tra cui ''mettere in rete le sedute del Cdm per vedere le competenze dei ministri e la riduzione dei parlamentari e delle loro retribuzioni''.

Anche sui conti pubblici il leader di 'Fare per fermare il declino' ha le idee chiare: ''Una nuova manovra? Sappiamo che le ultime previsioni a fine 2012 si sono rivelate troppo ottimistiche inevitabile che bisogner rimetterci mano. Per quanti milioni di euro si vedr''.

Giannino boccia Silvio Berlusconi in economia e finanze. "Di pressione fiscale si pu morire - dichiara il leader di Fare per fermare il declino' - ma per abbassare le tasse ci vogliono le coperture vere, non fittizie. Noi nel nostro programma le abbiamo indicate".

"Registro invece - aggiunge riferendosi a recenti dichiarazioni elettorali di Berlusconi - che ogni giorno c' chi fa promesse irrealizzabili come la creazione di 4 mln di posti di lavoro. Il che significa, che avendo 2,8 mln di disoccupati, ci sar il doppio lavoro per tutti. E' come l'acqua sulla Luna o la presenza di vita su Marte".

"D'accordo, se questi sono gli argomenti, allora va bene tutto. Se uno mi viene a parlare di accordi con la Svizzera che fanno rientrare in Italia decine di mld con cui poi pagare la riduzione delle tasse, mi scappa da ridere, perch va detta la verita': la Svizzera ha fatto il primo anticipo al Regno Unito restituendo 500 mln. Quindi - dice Giannino - ma quali decine di mld. Evitiamo le stupidaggini".

Per quanto riguarda infine il caso Finmeccanica, "lo Stato ha due compiti: dire con grande chiarezza cosa si pu fare e cosa no - conclude Giannino - deve fare una ricognizione immediata con i manager per capire cosa si pu difendere e cosa no; quindi mettere in sicurezza quello che si pu, prendendo delle decisioni" evidenzia il candidato premier di 'Fare per fermare il declino'. Compiti che "hanno disatteso sia il governo Berlusconi sia il governo Monti".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Politica
commenta commenta 0    invia    stampa