La sua scomparsa resa nota dalla sua produttrice Margaret Menegoz

Addio al regista francese Eric Rohmer

Eric Rohmer (dal Web)Eric Rohmer (dal Web)
ultimo aggiornamento: 11 gennaio, ore 20:06
Parigi - (Adnkronos/Ign) - Si spento all'et di 89 anni uno dei protagonisti del movimento della Nouvelle Vague. Nel 1986 vinse il Leone d'oro alla Mostra di Venezia con 'Il raggio verde' e sempre il Lido nel 2001 gli tribut il Leone d'oro alla carriera. Il direttore della Mostra di Venezia: "Ci mancher come pochi altri". (VIDEO)
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Parigi, 11 gen. - (Adnkronos/Ign) - E' morto oggi all'eta di 89 anni il regista francese Eric Rohmer. A renderlo noto, stata una della sue produttrici, Margaret Menegoz. Rohmer stato uno degli autori pi prolifici del cinema francese, nonch protagonista del movimento della Nouvelle Vague. Nel 1986 vinse il Leone d'oro alla Mostra di Venezia con 'Il raggio verde' e sempre il Lido nel 2001 gli tribut il Leone d'oro alla carriera.

Fondatore insieme a Jean-Luc Godard e Jacques Rivette de La gazette du cinma e responsabile dal '57 al '63 dei Cahiers du Cinma, Rohmer aveva esordito dietro la macchina da presa nel 1959 (ma gi in precedenza aveva realizzato una serie di cortometraggi prodotti Barbet Schroeder) con il lungometraggio Il segno del leone (Le signe du lion).

Il film fu un flop, ma la carriera del regista francese non ne avrebbe risentito tanto che a partire dagli anni '60 firmer le tre grandi serie di film che consacreranno per sempre la sua attivit di cineasta: Contes moreaux, sei film realizzati negli anni '60 che hanno come tema principale un uomo che si innamora di una donna che poi invece lascer per unirsi definitivamente ad un'altra; Comdies et proverbes, realizzati nella prima met degli anni '80, sono storie moderne, spesso con un finale a sorpresa, che si ispirano ai proverbi di uso comune; Contes des quatre saisons, realizzati durante gli anni '90 in cui narra l'evoluzione di alcune storie d'amore.

Anche se nel 1975 vince il Premio speciale della giuria al Festival di Cannes con La marchesa von... (La Marquise d'O.), il successo popolare arriva con il secondo film della serie delle Comdies, Il bel matrimonio (Le beau mariage, 1982) con cui la protagonista Beatrice Romand vince il premio come miglior interprete femminile al Festival di Venezia. Nel 1986 Il raggio verde (Le rayon vert) vince il Leone d'oro a Venezia e la critica comincia a trattare il regista alla stregua di un maestro.

Nel corso della sua carriera ha continuato a insegnare letteratura nei licei e a curare vari programmi televisivi culturali e didattici e inoltre si dedicato alla scrittura - buona parte dei suoi scritti sono raccolti nel volume Le got de la beaut - mentre nel 1957 ha scritto una monografia su Alfred Hitchcock insieme a Claude Chabrol. Nel 2001 gli e' stato assegnato il Leone d'oro alla Carriera durante la 58ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Il suo ultimo lavoro Gli amori di Astrea e Celadon (Les amours d'Astre et de Cladon) stato presentato in concorso al Lido nel 2007.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa