Arriva 'Sole a catinelle', terza prova di Zalone ''senza fini ideologici''

ultimo aggiornamento: 29 ottobre, ore 17:36
Roma - (Adnkronos/Cinematografo.it) - L'attore nei panni di un venditore di aspirapolvere alle prese con la crisi. Il film prodotto da Taodue e distribuito da Medusa sar in sala dal 31 ottobre con oltre 1250 copie (FOTO)


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 29 ott. (Adnkronos/Cinematografo.it) - ''Un uomo che il prodotto di 20 anni di berlusconismo, ma non lo condanniamo, gli vuoi bene. Non abbiamo intenti ideologici, l'unica idea fare soldi, me l'ha inculcata il produttore''. Cos Checco Zalone, all'anagrafe Luca Medici, presenta la sua terza volta sul grande schermo, ancora per la regia di Gennaro Nunziante: 'Sole a catinelle', budget 8 milioni di euro, prodotto da Taodue, distribuito da Medusa, in sala dal 31 ottobre con la cifra record di oltre 1250 copie.

Protagonista lo stesso Zalone, venditore di aspirapolvere in crisi nera, che deve realizzare la promessa fatta al figlio Nicol: ''Se sarai promosso con tutti dieci pap ti regala una vacanza da sogno''. Quei dieci arrivano, i soldi no, dunque Checco porta Nicol (Robert Dancs) dai parenti in Molise, nella speranza di unire l'utile - vendere aspirapolvere ai parenti - al, si fa per dire, dilettevole. Fortunatamente, Checco si ritrova a casa di Zoe (Aurore Erguy), una ricca ragazza che lo trasporta in un mondo di party, yacht, golf e cavalli…

''Sono diventato pap anche nella vita, e con Gennaro siamo rimasti due anni fermi a pensare'', dice Checco, reduce dai 15 milioni al botteghino di 'Cado dalle nubi' e dai 45 di 'Che bella giornata'. Ansia da prestazione? Risponde il produttore Pietro Valsecchi: ''Gli esercenti ci credono molto, io e Checco abbiamo fatto una scommessa sugli incassi, ma il cinema non sta vivendo una stagione meravigliosa, l'asticella non pu essere messa troppo in alto''.

Ma qual il segreto del successo di Checco? ''Se fai cose che piacciono a te, forse possono piacere pure ad altri'', dice Nunziante. E ne difende la poetica: ''Non mai esistito il trash nei nostri film, e il cinismo non una qualit, bens una boiata pazzesca, non risolve i problemi: abbiamo sempre fatto commedie, non sit-com buoniste''.

Mentre Zalone mette l'accento sulla crisi: ''Muovere dalla crisi e cercare di far ridere difficile, ma a noi piaceva l'idea di quest'uomo completamente refrattario alla crisi stessa, che predica l'ottimismo sempre e comunque''.

Ancora, Nunziante rifugge le accuse di volgarit: ''Per noi volgare tutto quello che goffo, le solite commedie con lui, lei e l'amante: teniamo le distanze da tutto quel che logoro, ovvero, volgare''. Viceversa, prosegue il regista, ''ci sentiamo figli della commedia all'italiana, che attingeva dalla realt: quando ti stacchi troppo dalla realt il film perde le fondamenta''.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa