Almanacco del giorno - Oroscopo  - Meteo - Mobile  - iPad - SMS - Agenda Camera
Alla conferenza stampa ufficiale della vigilia del debutto

Il 'mantra' di Capitan Morandi alla squadra: ''Stiamo tutti uniti''

Morandi con Luca e Paolo (Foto Adnkronos)Morandi con Luca e Paolo (Foto Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 14 febbraio, ore 15:31
Roma - (Adnkronos) - Il conduttore: "Abbiamo lavorato duro ma non vedo l'ora che si sentano le canzoni". Mazza: ''Zelig? I nostri problemi sono 'Ballarò' e 'Annozero'''. Da Luca e Paolo subito scintille: ''San Valentino è la festa dei fiorai di Arcore''. E sui testi: Non vi preoccupate li abbiamo consegnati, ad un certo assange...". Benigni "totalmente escluso" ma Mazzi spera ancora


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 20    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Sanremo, 14 feb. (Adnkronos) - "Dobbiamo stare uniti, ragazzi, dobbiamo stare tutti uniti". Capitan Morandi lo ripete ogni volta che può ai quattro giovani co-conduttori di Sanremo 2011. Il suo è diventato una sorta di 'mantra' sanremese. Pur avendo alle spalle 6 presenze in gara sul palco dell'Ariston e 66 anni suonati, l'eterno ragazzo non nasconde una certa ansia da prestazione alla conferenza stampa ufficiale della vigilia del debutto: "Siamo arrivati agli esami e come nel giorno dell'esame uno ha tutto confuso in testa. Però ci siamo preparati bene e la squadra è molto unita".

Morandi non fa mistero di non vedere l'ora che gli italiani ascoltino le canzoni: "Si è parlato di tutto, di quasiasi cosa, ma io in testa ho sempre le canzoni. Spero che i brani di Sanremo si cantino già da mercoledì mattina. Perché i nostri grandi ospiti, i veri protagonisti, sono proprio i cantanti in gara. Io che la gara l'ho fatta so quanto è dura. Per me i peggiori momenti saranno quelli delle eliminazioni: due cantanti andranno fuori la prima sera e due la seconda. E io già so che starò male. Poi due su quattro verranno ripescati giovedì".

Quanto ai risultati attesi, Morandi continua a ripetere: "Non sarà facile bissare i successi degli ultimi anni. Quando la Clerici, che ha fatto ascolti straordinari, mi passerà il testimone domani sera mi sentirò in difficoltà. Ma con tutto il lavoro fatto, con la scenografia di Gaetano Castelli, con la regia Duccio Forzano, se sbagliamo sarà solo colpa nostra. Quindi - ripete concludendo - stiamo uniti".

Ad alleggerire il clima della vigilia ci hanno pensato Luca e Paolo. "Volevo fare gli auguri a tutti perché oggi è San Valentino, la festa nazionale dei fioristi di Arcore", ha detto Luca Bizzarri in conferenza stampa facendo intuire che non mancherà la satira sulla situazione politica negli sketch sul palco dell'Ariston. Gag che i due si sono rifiutati finora di provare di fronte ad altri. "Non vi preoccupate, i testi li abbiamo consegnati. Ad un certo Julian Assange...", ha aggiunto Paolo tra le risate della sala stampa.

Quanto ai contenuti, nessuna anticipazione se non che nel segno dell'ironia: "Devo riconoscere alla Rai di non averci imposto nulla. Ci ha chiesto solo di non dire le parolacce, di non essere volgari, di non parlare di sesso: quindi della situazione politica non potremo parlare. Punteremo su altri spunti d'attualità...", ha scherzato Luca.

Il direttore di Raiuno Mauro Mazza , che ha aperto la conferenza stampa, ha dichiarato: "E' il mio secondo festival da direttore ma l'emozione è la stessa della prima volta. Mi piacerebbe che Sanremo fosse il fatto centrale della settimana. Le cose che accadono intorno, quest'anno non danno questa certezza. Ma lasciatemi coltivare questa speranza".

Il direttore di Raiuno ha sottolineato poi di temere più la concorrenza interna alla Rai che quella Mediaset: "La concorrenza di 'Zelig'? Per essere chiari, noi speriamo che non accada nulla di clamoroso dal punto di vista dell'attualità durante la settimana in altri settori, perché i nostri problemi si chiamano Ballarò e Annozero...".

Riguardo alla possibilità di avere Roberto Benigni sul palco dell'Ariston per la serata di giovedì, il direttore artistico del festival di Sanremo Gianmarco Mazzi sottolinea: "La speranza è l'ultima a morire",. Ma dall'entourage del regista-attore premio Oscar fanno sapere che la presenza di Benigni quest'anno è "totalmente esclusa", anche se "ci sono stati dei contatti". "Abbiamo invitato Benigni - ha spiegato Mazzi - ma gli artisti di quel livello per partecipare devono essere convinti dell'idea che portano. Stiamo dialogando su un'idea legata al 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia, ma non è ancora completamente a fuoco".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa   
adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress