E tiene una rubrica su Vanity Fair

Mina e l'opinione sui giornali

Mina (Gianni Napoli - Adnkronos)Mina (Gianni Napoli - Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 23 marzo, ore 11:47
Roma - (Ign) - Non c' ma fa sentire la sua voce (a volte forte e decisa) puntualmente ogni settimana sul quotidiano 'La Stampa'
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 20 mar. - (Ign) - Lontano dai media, Mina fa sentire la sua voce puntualmente. Ogni settimana sul quotidiano 'La Stampa' fa capolino come opinionista. E certe volte, la sua 'voce' forte e decisa. Capace di aprire dibattiti e suscitare clamore con la sua penna pungente. Come quando ha urlato contro la mattanza venatoria. Non manca poi di rispondere alle tante lettere che le arrivano a Vanity Fair dove tiene una rubrica.

L'ultimo articolo pubblicato sulla 'Stampa' (domenica 21 marzo) porta il titolo: 'Luna di miele sulla Luna'. E si legge:

"Da quando l’ho saputo, cio ieri pomeriggio, mi sono gi abituata all’idea. Al momento mi era venuto proprio da ridere. 'AAA cercansi astronauti per gestire Hotel orbitanti'. Un albergo orbitante? Non roba per me che non vado neppure in quelli ben piantati per terra. Ma, ripensandoci, perch no? Troppe ne dobbiamo vedere, ancora. Questa robetta. In fondo sarebbe un’ottima occasione per guardare la terra da lontano. E chiss se questo favorirebbe la comprensione di tutto ci che avviene sul nostro pianeta che di comprensibile ha pochissimo. E poi, da non sottovalutare, la luna ci sarebbe pi vicina.

Vedrei bene l’organizzazione di viaggi di nozze, lune di miele. Gli sposini, arrampicati lass a circum-ambulare, sarebbero talmente vicini alla luna che lo stimolo a un incremento delle nascite diventerebbe, come dire, indomabile. Poi, nei periodi di bassa stagione, il signor Bigelow, futuro proprietario di questa catena di alberghi, potrebbe fare dei pacchetti, volo-pernottamento-prima colazione, talmente convenienti da provocare l’incoercibile voglia di regalare un viaggio premio a chi ci vorremmo togliere dalle scatole. E qui, l’elenco potrebbe diventare infinito. Per non citare una sequenza di nomi che, peraltro, queste sacre pagine conoscono molto bene e che le riempirebbe completamente, converr andare per categorie.

Milioni o miliardi, il conto non mai stato fatto con precisione, di cialtroni, distruttori di speranza, imbroglioni, assassini starebbero bene ammucchiati e scomodi nella sala imbarchi con destinazione fuori dalle nostre vite. Se lo organizzassero in orbita il loro mondo infernale, con i pedofili tonacati e non, la politica gestita da ciabattoni, demagoghi o golpisti, lo sport annegato nella droga, la scienza governata dalla logica del profitto, le religioni insanguinate dalla presunzione. Un posto per gli astronauti della bellezza deformata ci vuole proprio. Quello spazio abbastanza lontano dal paradiso per non essere una bestemmia, ma anche abbastanza distante da chi su questa terra si stufato dei mostri. Ci dispiaceremo per qualche rimasuglio da inevitabile overbooking, ma non dispereremo nei charter di supporto.

Visto il disagio che questo esodo di massa provocherebbe, tutto sommato, meglio decidere per una soluzione pi agile. Ci vado io, cos abbiamo risolto. Senza indugio preparo borse e bauli. Potrei star via molto tempo

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa