Mondo Rai, appuntamenti e novit. Su Rai1 'Un Poeta per Amico' dedicato a Massimo Troisi

Massimo Troisi in una scena del film 'Non ci resta che piangere'  Massimo Troisi in una scena del film 'Non ci resta che piangere'
ultimo aggiornamento: 04 giugno, ore 21:10
Roma - (Adnkronos) - L'evento, nato da un'idea del conduttore, avr uno stile che ricorder quello dell'artista partenopeo: allegro, ironico e fuori dagli schemi. Di come nasce una rivoluzione scientifica si parler nella puntata di 'Radio3Scienza', mentre comincia domani 'Zettel', il nuovo programma di Rai Educational


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 4 giu. - (Adnkronos) - Domani su Rai1, dall'Auditorium Rai di Napoli, andr in onda in prima serata 'Un Poeta per Amico', programma condotto da Enzo Decaro e dedicato a Massimo Troisi, attore, regista e sceneggiatore scomparso prematuramente nel 1994. L'evento, nato da un'idea del conduttore, avr uno stile che ricorder quello dell'artista partenopeo: allegro, ironico e fuori dagli schemi. A ricordarlo in maniera affettuosa i tanti amici del mondo dello spettacolo e non solo, presenti alla serata, riuniti anche per dare un sostegno all'iniziativa dell'Associazione Bambini Cardiopatici nel mondo. Tra gli altri interverranno Antonella Ruggiero, Amii Stewart, Tullio Solenghi, Massimo Lopez, James Senese e la sceneggiatrice Anna Pavignano. Ci saranno anche i contributi di Carlo Verdone, Claudio Baglioni e Massimo Ranieri. Enzo Decaro, amico e compagno di viaggio artistico di Troisi, riuscito inoltre a recuperare del materiale inedito: ricordi, aneddoti e particolari segreti di colui che sarebbe diventato uno degli attori pi amati d'Italia. Mentre il governo annuncia che la crisi del lavoro colpisce 28 milioni di italiani, cresce l'attesa per il decreto sviluppo, che sar presentato in settimana: 78 articoli che toccheranno tutti i settori e cercheranno di dare le prime risposte alla crisi, muovendo le leve della crescita. Se ne parler nella puntata di 'Agor' in onda domani, alle 8, su Rai3. Ospiti di Andrea Vianello saranno: Sandro Gozi, responsabile politiche Ue del Pd alla Camera; Giorgio Stracquadanio, deputato del Pdl; Linda Lanzillotta, neofuoriuscita dall'Api, in procinto di aderire al gruppo misto; Matteo Salvini, neo coordinatore lombardo della Lega Nord; Giorgio Airaudo, segretario nazionale della Fiom; Marco Taradash, giornalista. Nella seconda parte del programma, si parler dell'Italia paese degli sprechi, tra cui spiccano quelli delle opere pubbliche mai finite o inutilizzabili. Tra le tante citt che vantano questo primato negativo, Latina sembra essere la capitale delle opere incompiute. Ne discuteranno in studio Luigi Grillo (Pdl), presidente della Commissione Trasporti al Senato; Tiziano Treu, senatore del Pd, vicepresidente della 11 Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale); Francesca De Santis, vicepresidente dei Giovani imprenditori edili Ance; Giacomo Vaciago, professore ordinario di Politica economica all'Universit Cattolica del Sacro Cuore di Milano e direttore dell'Istituto di Economia e finanza; Roberto Giovannini, giornalista del quotidiano La Stampa. Biglietto salito da 1 euro a 1 euro e 50; biglietto che vale mezz'ora in pi ma la qualit del servizio non cambiata. A fronte di questa fotografia dei mezzi pubblici a Roma, il trasporto urbano milanese costoso ma pi efficiente. In generale, causa alto costo della benzina, ovunque in Italia aumentano i passeggeri ma non il tipo di servizi. Questo il tema della puntata di domani di 'Fuori tg', lo spazio di approfondimento del Tg3 in diretta alle 12,25 su Rai3, a cura di Massimo Angius e Paola Sensini.Ospiti di Maria Rosaria De Medici, Anna Gervasoni, direttore del Centro ricerca Trasporti e infrastrutture dell'universita' Carlo Cattaneo di Castellanza e Livia Zollo, responsabile Lazio del Movimento difesa cittadino.

Di come nasce una rivoluzione scientifica si parler nella puntata di 'Radio3Scienza', in onda domani dalle 11 alle 11.30. La scienza normale il paradigma di riferimento per una comunit di ricercatori. Quando il meccanismo s'inceppa e va in crisi nasce una rivoluzione scientifica, secondo Thomas Kuhn, che nel 1962 pubblicava 'La struttura delle rivoluzioni scientifiche' uno dei capisaldi dell'epistemologia contemporanea. Giulio Giorello, docente di filosofia della scienza all'universit di Milano, spieghera' se la lezione di Kuhn e' ancora valida ai tempi della scienza 2.0. Nella puntata di ''Radio2 SuperMax'', in onda domani dalle 11 alle 12.25, in diretta dalla Sala B della sede Rai di via Asiago a Roma, Max Giusti proporra' momenti di talk e gag con la compagna di microfono Francesca Zanni. Non manchera' la musica live eseguita dalla ''SuperMax Band'' e le tante ''voci'' in cui si calera' Max, da Ligabue a ''Il fatto quotidiano''. Correva l'anno, in onda domani alle 23.15 su Rai3 propone "Un popolo di atleti - sport e tempo libero nell'Italia fascista" di Francesca Carli. 1 maggio 1925. Nasce l'Opera Nazionale Dopolavoro. Il tempo libero degli italiani non e' piu' un affare privato. Il fascismo vuole durare. Vuole mettere radici stabili nella societa' italiana, influenzarne i costumi, le abitudini. Formare un italiano nuovo.Un uomo nuovo, addirittura. L'idea di incoraggiare il sano e proficuo impiego delle ore libere dei lavoratori nasce dopo l'entrata in vigore della legge sulle otto ore lavorative. Ma non basta, nei primi anni di regime fascista, organizzare il tempo libero degli operai significa soprattutto distoglierli da ogni altra pericolosa attivita'. Politica, sindacale, sociale. Correva l'anno racconta la formidabile fabbrica di consenso che ruota intorno alle organizzazioni di massa fasciste che scandiscono le ore libere del popolo italiano.E come in ogni puntata il commento di Paolo Mieli.

Si puo' vivere senza verita'? Da questa domanda prende avvio il nuovo appuntamento con "Zettel", il programma di Rai Educational, in onda domani alle 20.00, in replica ogni 4 ore, su Rai Scuola, Digitale terrestre e Tivu'Sat e venerdi' 8 giugno, alle 2.00, su Rai1. Secondo alcuni filosofi, per esempio Nietzsche, la liberazione dalla verita' sarebbe la premessa per un mondo piu' creativo e felice. Ma a ben vedere sarebbe anche la premessa per un mondo in cui si potrebbero commettere le ingiustizie peggiori. Una riflessione filosofica sulla verita' dimostra cosi' quanto questa nozione sia implicata in ogni piega della nostra vita di tutti i giorni, e abbia conseguenze non solo conoscitive, ma anzitutto etiche e pratiche. Ospite di questa puntata e' Franca D'Agostini, filosofa del Politecnico di Torino. "Italia in 4 D" , il nuovo magazine di Rai Educational, che racconta l'Italia degli anni Cinquanta, Sessanta, Settanta e Ottanta, i 4Decenni del Novecento italiano con storici di primo piano e la partecipazione straordinaria di Maurizio Costanzo, in un confronto intergenerazionale con un adolescente di oggi, Matteo, un ''nativo digitale'' degli anni 2000, creando un originale ''scambio di informazioni'' tra generazioni distanti. Con la puntata in onda domani, alle 23.00, su Rai Storia, Digitale Terrestre e Tivu' Sat, il programma torna agli anni Cinquanta, che segnano l'inizio dell' era atomica. Al terrore della bomba si affianca la fiducia nell'atomo amico, soluzione agli eterni problemi dell'umanita'. L'energia nucleare non e' piu' un pericolo, ma una forza di sviluppo economico e tecnologico. L'angoscia suscitata dalla sua prima spaventosa applicazione, le bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki, lascia il posto alla fiducia in un futuro che si immagina caratterizzato da importanti avanzamenti tecnologici e da un ruolo sempre piu' importante dell'energia nucleare rispetto a quella ricavata dal petrolio e dal carbone. L'Italia comincia a costruire le sue centrali. Se ne studiano le applicazioni in tutti i campi. Sara' proposto un cinegiornale militare inedito che mostra la parata militare, per il decennale del Patto Atlantico, a cui assiste Giulio Andreotti, appena trentenne. Ha segnato l'esordio al cinema del regista e drammaturgo Neil LaBute, il film ''Nella societa' degli uomini'', in onda su Rai5 domani alle 21.15. Girato in sole due settimane e con un budget ridottissimo, racconta la storia di due trentenni in carriera, insoddisfatti e frustrati, che mettono in atto un piano atroce nei confronti di una ragazza sorda. La corteggiano, la illudono e la abbandonano, con l'unico scopo di ridere di lei. Il film e' stato presentato al Festival di Cannes, al Sundance Film Festival, ed e' stato premiato per le migliori interpretazioni dei protagonisti Aaron Eckhart e Stacy Edwards. Ha inoltre vinto l'Indipendent Spirit Award per la migliore sceneggiatura d'esordio.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
non ci sono tag per questa notizia
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa