Almanacco del giorno - Oroscopo  - Meteo - Mobile  - iPad - SMS - Agenda Camera
Era ricoverato in una clinica in Veneto

Mondo dello spettacolo in lutto, addio all'attore e regista Daniele Formica

Daniele Formica (Foto dal profilo di Facebook)  Daniele Formica (Foto dal profilo di Facebook)
ultimo aggiornamento: 02 febbraio, ore 13:18
Bassano del Grappa (Vicenza) - (Adnkronos/Ign) - E' morto ieri all'età di 60 anni per un tumore al pancreas. Attore, doppiatore, regista teatrale, autore e conduttore televisivo aveva raggiunto l'apice del successo negli anni '80 e '90 partecipando a numerose trasmissioni televisive della Rai


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 19    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Bassano del Grappa (Vicenza), 2 feb. (Adnkronos/Ign) - Daniele Formica è morto ieri all'età di 60 anni per un tumore al pancreas. Era ricoverato in una clinica in Veneto. Attore, doppiatore, regista teatrale, autore e conduttore televisivo aveva raggiunto l'apice del successo negli anni '80 e '90 partecipando a numerose trasmissioni televisive della Rai.

Formica nasce a Drogheda, in Irlanda, il 10 giugno del 1949 da un violinista irlandese e da una cameriera italiana. Dopo avere studiato al Trinity College di Dublino, manifesta immediatamente la passione per la recitazione e debutta all'inizio degli anni '70 nel 'Rabelais' di Jean Louis Barrault. E' quello anche il periodo delle prime apparizioni cinematografiche in film italiani accanto a Massimo Ranieri, Aldo Giuffré e Barbara Bouchet. Il trasferimento in Italia arriva nel 1973 quando entra nella compagnia del Teatro Stabile dell'Aquila con il quale porta in scena 'Maschere' di Carlo Goldoni. In quegli anni fa anche parecchia televisione, partecipando ad alcuni sceneggiati tra i quali 'Lungo il fiume e sull'acqua' (1973), 'L'assassinio dei fratelli Rosselli' (1974) e 'Giandomenico Fracchia' (1975).

L'amore per il teatro però non lo abbandona e torna sul palcoscenico con 'Il giuoco delle parti', 'Trio per Samuel Beckett' (grande successo al Festival di Spoleto del 1977) e 'Amleto in trattoria'. Prova a curare lui stesso una regia teatrale e la sua verve comica esplode in 'Terapia di mucchio' (1978). Il successo è tale che Formica decide di scrivere, dirigere e interpretare lavori come 'Madri & figli' (1984), 'A luce rossa - X Rated' (1985, 1987, 1992 e 1997) e 'Formicando all'improvviso' (1993-1995).

Nel 1980 partecipa al varietà televisivo di Romolo Siena, 'A tutto gag', con Massimo Boldi, Simona Marchini e Sydney Rome. L'anno successivo è chiamato da Mario Monicelli a interpretare 'Camera d'albergo' accanto a Monica Vitti e Vittorio Gassman. Accanto al cinema e alla tv, dove spesso è diretto da grandi autori come Antonello Falqui e Sandro Bolchi, porta avanti la sua passione per il teatro con 'Il sogno dello zio' (1984), 'Il sosia' (1995) e 'La dama di Chez Maxim' (1997).

Nel 1990 si sposa con Ombretta Bertuzzi. La sua carriera continua in tv con il telefilm 'Linda e il brigadiere' e il film tv 'Ladri si nasce'. Alla fine del decennio compare nel programma tv 'Paperissima' condotto da Lorella Cuccarini e Marco Columbro.

Nel nuovo Millennio per Formica arrivano i doppiaggi di film d'animazione come 'Cars - Motori ruggenti' e 'I Robinson, una famiglia spaziale'. Dopo avere partecipato alla parodia 'Ti stramo - Ho voglia di un'ultima notte da manuale prima di tre baci sopra il cielo' (2008), arrivano 'Pa-ra-da' (2008) e la sua ultima apparizione in 'L'ultima estate' (2009).


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa   
adnkronos.com  |   aki arabic  |   aki english  |   aki italiano  |   salute  |   labitalia  |   musei on line  |   immediapress