''Ci mancher come pochi altri''

Muller: ''Il cinema di Rohmer stato tutto una sfida''

Marie Rivire protagonista de 'Il raggio verde', Leone d'oro 1986 a Venezia  Marie Rivire protagonista de 'Il raggio verde', Leone d'oro 1986 a Venezia
ultimo aggiornamento: 11 gennaio, ore 20:00
Roma - (Adnkronos) - Il direttore della Mostra del cinema di Venezia ricorda il maestro francese scomparso: ''Uno degli ultimi registi a rimanere completamente indifferente agli standard produttivi vigenti''
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 11 gen. (Adnkronos) - "Rohmer ha significato molto pi di un grande autore per il cinema francese e mondiale. Ci mancher come pochi altri. E' stato un grandisismo cineasta, un gradissimo insegnante, uno straordinario realizzatore di programmi didattici e televisivi. E uno degli ultimi a rimanere completamente indifferente agli standard produttivi vigenti. Tutto il suo cinema stato una sfida, una scommessa". A ricordare cosi' all'ADNKRONOS il maestro del cinema francese scomparso e' il direttore della Mostra del cinema di Venezia, Marco Muller.

Quanto alla nota ritrosia del regista che non ha quasi mai presenziato a cerimonie pubbliche o accompagnato i suoi film ai festival (rarissima eccezione fu la consegna del Leone d'Oro alla carriera di Venezia nel 2001, ndr.), Muller aggiunge: "E' riuscito a vivere in 'incognito' comunicando allo stesso tempo una sensazione di potenza creativa eccezionale". Proprio al Lido nel 2007, fu presentato il suo ultimo film "Gli amori di Astrea e Celadon": "Lui era felice di avere un film pronto per Venezia - ricorda Muller - ma naturalmente non venne ad accompagnarlo, anche perch era gi molto malato".

"Ha continuato fino all'ultimo -prosegue il direttore della mostra veneziana- a considerarsi un regista quasi amatoriale e a sostenere la necessit di un cinema 'parallelo' ma non 'alternativo'. E' stato l'ultimo autore straordinarimente disinteressato a confrontarsi con gli standard produttivi vigenti. Straordinarimente coraggioso e segretamente rigoroso. Aveva uno stile d'autore ma non era propenso ad espicitarlo, te lo dovevi andare a trovare tu", conclude Muller che ha incluso 'La nobildonna e il duca', il film diretto da Rohmer nel 2001, nella classifica dei dieci film piu' importanti del decennio 2000-2009 stilata per 'Film Comment'. "Un film -conclude- con cui continueremo a fare i conti per molti anni".

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa