Tarquinia, scoperta tomba intatta di principi etruschi di 2600 anni fa

ultimo aggiornamento: 21 settembre, ore 19:52

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Tarquinia - (Adnkronos) - Il sepolcro mai aperto dal VII secolo avanti Cristo, affrescato e contiene una serie di vasi, servizi per il consumo del vino, un cofanetto cilindrico in bronzo probabilmente con gioielli all'interno e un aryballos per i profumi. La soprintendente per i beni archeologici dell'Etruria Meridionale: "Tombe di questo periodo intatte sono un'eccezione". Zingaretti: "Impreziosisce il patrimonio culturale del territorio"

Tarquinia, 21 set. - (Adnkronos) - Una tomba di principi etruschi databile al VII secolo a.c., intatta, stata scoperta a Tarquinia durante uno scavo condotto dalla Soprintendenza per i beni Archeologici dell'Etruria meridionale, in collaborazione con l'equipe di archeologi dell'universit di Torino, diretta dal professor Alessandro Mandolesi.

Il piccolo tumulo, all'interno del quale, sono stati trovati una serie di vasi, servizi per il consumo del vino, una pisside o cofanetto cilindrico in bronzo e un aryballos, un vaso per profumi, si trova all'interno della Necropoli della Doganaccia. ''La cosa pi interessante - ha detto all'Adnkronos Alfonsina Russo, soprintendente per i beni archeologici dell'Etruria Meridionale - l'aryballos, un vaso per profumi, che rimasto sospeso alla parete, appeso a un chiodo in ferro, per 2.600 anni''.

''Il piccolo tumulo del diametro di 6 metri con una sepoltura a camera molto interessante e intatta a doppia deposizione stato scoperto in prossimit del tumulo della Regina - ha spiegato Russo - All'interno sono infatti stati trovati sia un elemento che ci riporta alla sfera femminile, alcune fibule o spille da donna, che un elemento che ci riporta al maschile, ovvero una punta di lancia. La cosa fondamentale che la tomba intatta - ha sottolineato la soprintendente - tenendo presente che questa un'area oggetto di scavi clandestini''.

''Tombe di questo periodo intatte sono un'eccezione - ha aggiunto il professor Mandolesi - Adesso sar interessante analizzare i contenuti organici, i resti di cibo per capire cosa mangiassero i principi e aprire il cofanetto. Per questo sar fatto uno scavo in laboratorio e se ne analizzer il contenuto, probabilmente si tratta di gioielli''.

''All'interno del sepolcreto principesco databile tra il 610 e il 600 a.C. c' anche un'architettura dipinta, ci sono tracce di pittura che riproducono il tetto di una casa'', ha continuato. ''Speriamo di poterla valorizzare per renderla fruibile - ha aggiunto - E poi risale all'epoca aurea, quando da Tarquinia partir il primo re etrusco di Roma, Tarquinio Prisco, quindi c' anche una suggestione storica''.

"Il nuovo patrimonio etrusco scoperto a Tarquinia veramente straordinario. Agli archeologi, alla Soprintendenza dell'Etruria meridionale va il plauso per il preziosissimo lavoro che portano avanti, pur tra mille difficolta'", scrive in un tweet il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori commentando la notizia della scoperta.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa