Teatro: Roma, 'La chiave dell'ascensore' in scena alla Sala Uno

ultimo aggiornamento: 05 ottobre, ore 18:58

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 5 ott. - (Adnkronos) - Una donna costretta su una sedia a rotelle, che il marito sottopone a orribili mutilazioni fino a toglierle la vista e l'udito, e' la protagonista di uno dei testi piu' strazianti di A'gota Kristo'f, la scrittrice svizzera di natali ungheresi scomparsa nel 2011, la cui prosa sprigiona in palcoscenico una speciale forza visionaria: 'La chiave dell'ascensore', dal 10 al 21 ottobre alla Sala Uno, torna a Roma in una versione che ha il pregio di sposare il teatro alla danza, sotto le insegne del Nuovo Balletto di Spoleto.

Paola Maffioletti (Istituto Nazionale del Dramma Antico, Riga Russian Drama Theatre e molte prove cinematografiche e televisive) firma la regia e la coreografia di questa favola nera pubblicata nel 1977, in cui l'autrice infuse tracce della sua infelice vita coniugale ma soprattutto lancio' un metaforico grido contro ogni guerra e ogni oppressione, nel ricordo dell'invasione sovietica di Budapest che nel '56 le aveva imposto l'esilio, accentuando i toni grotteschi di una pie'ce onirica.

E' la voce, l'unica facolta' rimasta alla moglie umiliata, a testimoniare la solitaria sofferenza della vittima finche' non si ribella al suo carnefice. L'amore pare non esistere nel mondo di A'gota Kristo'f, dove i rapporti umani non seguono una logica di causa ed effetto ma di convenienza e di menzogna e dove gli individui sono perennemente il bilico tra speranza e autodistruzione.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
Teatro
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa