In ventuno edizioni ha incollato ai teleschermi 149.277.000 telespettatori

Torna 'Striscia la notizia', il Tg satirico di Antonio Ricci spegne 22 candeline con il Vendicatore 'Gabibbo'

ultimo aggiornamento: 21 settembre, ore 11:27
Milano - (Adnkronos) - Su Canale 5 si alza il sipario della nuova stagione. Alla consolle, il popolarissimo duo Greggio-Iachetti mostrer l'altra faccia delle cose, smascherando i nuovi taroccamenti, senza perdere il suo esprit ludico e irriverente
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 21 set. - (Adnkronos) - Da oggi torna su Canale 5 intorno alle 20.40 'Striscia la notizia', la ventiduesima edizione del Tg satirico di Antonio Ricci e che vedr alla consolle Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti.

Ventidue edizioni di comicit, satira, informazione, controinformazione, variet e inchiesta sembrano volati, ma hanno lasciato il segno. Un segno tangibile, che ha spesso avuto ripercussioni sulla realt politica, economica e sociale del nostro Paese. Striscia la notizia mostra l'altra faccia della medaglia, non si ferma all'apparenza dei fatti, ma instilla il dubbio nei telespettatori.

Il pubblico, sempre pi numeroso, partecipa, come una grande redazione allargata, alla denuncia di piccoli e grandi problemi che affliggono il quotidiano. Il programma si insidia capillarmente nei meandri del tessuto sociale per evidenziare le malefatte dei palazzi del potere politico, economico, sanitario e imprenditoriale, svelando abusi, disservizi, errori, omissioni e taroccamenti dei media.

Tra i casi pi eclatanti: nel 1991, durante la guerra nel Golfo, Striscia scopre un ''tarocco'' della rete CNN, in cui un cronista, per puro sensazionalismo, indossa la maschera antigas; nel 1994 un fuorionda tra Antonio Tajani e Rocco Buttiglione fa scoppiare una violenta polemica all'interno della maggioranza del primo governo Berlusconi; nel 1995, un inviato del Tg satirico pone al Presidente di Mediobanca Enrico Cuccia le domande (rimaste senza risposta) che mai nessuno avrebbe osato fargli; nel 1997, Striscia documenta la presenza di centinaia di moduli abitativi destinati ai terremotati dell'Umbria, abbandonati dalla Protezione Civile; nel 1999, un filmato inedito mostra il saccheggio nel campo profughi di Valona a opera di poliziotti e civili albanesi che depredano aiuti umanitari destinati alla Missione Arcobaleno di fronte all'indifferenza di poliziotti e militari italiani. Non finita.

Nel 2001, ''Striscia'' smaschera la teleimbonitrice Vanna Marchi, la figlia Stefania Nobile e il mago Do Nascimento, facendo aprire a riguardo un'inchiesta della Procura di Milano; nel 2003, Beppe Grillo in un monologo attacca l'allora Ministro Gasparri, definendolo antidemocratico arrivando a chiederne le dimissioni, e si scaglia contro Telecom denunciando l'affaire dei ''numeri trappola'' causa di bollette gonfiate; nel 2005, prima di Bancopoli, la Banca Popolare di Lodi, sotto la lente d'ingrandimento di Striscia, deve giustificare le molte spese immotivate sui conti correnti dei suoi clienti.

Pochi mesi dopo il servizio, Giampiero Fiorani, A.D. della Banca Popolare Italiana (gia' Banca Popolare di Lodi), viene arrestato. Successivamente Antonio Fazio, Governatore della Banca d'Italia, a causa delle indagini che coinvolgono la Banca Popolare Italiana e la sua scalata all'Antonveneta, si ritrova un Tapiro gigante proiettato sulla facciata di Palazzo Koch; nel 2006, prima di chiunque altro, denuncia le condizioni di degrado del Policlinico Umberto I di Roma mostrando corridoi fatiscenti e strutture pericolanti da dove devono passare obbligatoriamente le lettighe dei malati; nel 2007, Stefania Petyx a Corleone si apposta sotto casa di Nina Bagarella, tentando un'intervista impossibile con la moglie di Tot Riina, la quale non d cenno di risposta. Nonostante l'argomento sempre molto attuale, il fatto non viene assolutamente menzionato dai media.

Insomma, ventuno anni che hanno tenuto incollati ai teleschermi (se si sommano tutte le stagioni) un totale di 149.277.000 telespettatori. Telespettatori attivi, partecipi, coinvolti empaticamente nella costruzione di ogni singola puntata del programma.Un rapporto consolidato, quello tra il pubblico e l'irriverente telegiornale, che continua, attraverso il suo linguaggio fatto di scrittura, icone, immagine, doppiaggi, montaggi e smontaggi, a mettere a nudo i meccanismi della Tv.

Una forma di racconto che si ispira da sempre alla teoria del filosofo francese Guy Debord, che sosteneva: ''Lo Spettacolo il capitale a un tale grado di accumulazione da divenire immagine''. Sono passati gi ventuno anni, durante i quali Striscia cresciuta, si fortificata e ha raggiunto un livello di credibilit tale da essere riconosciuta sempre pi dal pubblico come punto di riferimento cui affidare i propri problemi e come fonte primaria da cui apprendere le notizie.

Tutto questo senza perdere il suo esprit ironico, leggero, ludico, irriverente e comico. La complicit della squadra capitanata da Antonio Ricci, formata da oltre cento persone, lavora da sempre dietro le quinte all'access prime time di Canale 5 con entusiasmo e immutata passione. Simbolo di questa felice combinazione di pi fattori, il connubio che da ben sedici anni lega l'impareggiabile coppia storica di attori formata da Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti. E' con il medesimo intento, ''Battere la comicit di Bruno Vespa!'', che da luned 21 settembre 2009 alle ore 20.40 circa, si alza il sipario della nuova stagione di Striscia la notizia.

Sul bancone del Tg satirico il Vendicatore rosso ''Gabibbo'', non solo paladino di grandi e piccini e giustiziere del popolo attraverso le sue inchieste, ma all'occasione pronto a ''scendere in campo'' per la sfida politica (nel 1997 si candida al collegio del Mugello contro Antonio Di Pietro, Sandro Curzi e Giuliano Ferrara) e ad accompagnare nel ballo le Veline.

Irrinunciabile compagno delle 34 ragazze che si sono avvicendate negli anni a Striscia, questa stagione per la seconda volta il Gabibbo e' il ''cavalier servente'' di Federica Nargi e Costanza Caracciolo. Ad accogliere segnalazioni, misfatti, curiosita', errori l'''SOS Gabibbo'' (gabibbo@mediaset.it), e, al servizio degli utenti, il visitatissimo sito della trasmissione (www.striscialanotizia.it) offre contenuti inediti e aggiornamenti in tempo reale.

I servizi sono affidati a un'agguerrita squadra di inviati-giornalisti sui generis formata da: l'impenetrabile Jimmy Ghione, il consunto Max Laudadio, il celebre ''tapiroforo'' Valerio Staffelli, il trasformista-artista Dario Ballantini, il duo pugliese Fabio e Mingo, Giampaolo Fabrizio - alias Bruno Vespa -, Cristiano Militello e i suoi striscioni, il dandy Moreno Morello, l'inviato dalla Sardegna Cristian Cocco, la temeraria Stefania Petyx, Felice Centofanti che ''i calciatori li sistema tutti quanti'' e Capitan Ventosa - Luca Cassol - supereroe ''sturaingiustizie''.

E ancora: Edoardo Stoppa esperto di problematiche ambientali e mondo degli animali, 100% Brumotti, campione del mondo di bike trial, il mago Antonio Casanova, Super Bottom, supereroe adulatore dei politici potenti, Cristina Gabetti, l'eco-esperta di ''Occhio allo spreco'', Luca Abete, addetto alle emergenze della Campania, Luca Galtieri e il Mago di Az del centro anti-tarocco.

''Striscia la notizia'' un programma ideato e scritto da Antonio Ricci. Al suo fianco, da sempre, Lorenzo Beccati, Gennaro Ventimiglia e Max Greggio.Con loro, Mimmo Artana, Paolino T. Orsini, Alessandro Meazza, Francesco Mazza, Carlo Denei, Fabio Nocchi, Carlo Sacchetti, Massimo Dimunno, Giovanni Tamborrino. La regia, per la quinta stagione consecutiva, affidata a Mauro Marinello.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa