Tv: 'La Padania', 'Grande fratello' utile se favorisce integrazione Islam

ultimo aggiornamento: 11 gennaio, ore 10:07

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 11 gen. - (Adnkronos) - "Dentro la casa del 'Grande Fratello' c'e' una donna musulmana e le premesse potrebbero non essere cosi' negative". Lo scrive 'La Padania' in un commento pubblicato nell'edizione di oggi. "Il perche' -spiega il quotidiano della Lega- e' presto detto. La signorina in questione, pur professando i severi precetti del Corano e di Maometto, non sembra altrettanto ligia e rigida nella loro applicazione. Anzi sembra ben poco propensa ad osservare quei dettami di pudicizia, di rigore e di umilita' che il testo coranico e le leggi collegate impongono al genere femminile". "Non sarebbe un brutto segnale -afferma percio' 'La Padania'- se si dimostrasse come una ragazza di fede islamica, pur conservando il suo credo religioso si dimostri aperta verso le consuetudini del Paese. Certo il palcoscenico de il 'Grande Fratello' non e' il massimo per dimostrare che un maomettano o, ancor meglio una maomettana, puo' integrarsi nella nostra societa': ma e' comunque gia' qualcosa". "Se solo il 'Grande Fratello' riuscisse a raggiungere questo obiettivo -conclude il quotidiano della Lega- potrebbe avere un minimo di senso. Per il resto il format di Mediaset sta veramente mostrando il peggio della tv. Speriamo in bene".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
Tv
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa