'Verso la Grande Guerra', oltre 200 opere in mostra al Vittoriano

Rudyard Kipling in visita al fronte italiano, 1917. Roma, Museo Centrale del Risorgimento  Rudyard Kipling in visita al fronte italiano, 1917. Roma, Museo Centrale del Risorgimento
ultimo aggiornamento: 03 novembre, ore 20:17
Roma - (Adnkronos) - Da domani al 6 gennaio nella Sala Zanardelli primo step di un percorso espositivo triennale con documenti, dipinti, disegni, incisioni e fotografie. Peluffo: ''Conflitto stato passaggio fondamentale nella costruzione del nostro Paese''


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 3 nov. (Adnkronos) - Oltre duecento opere tra documenti, dipinti, disegni, incisioni, fotografie, volumi, cartoline, giornali, oggetti e filmati al Complesso Monumentale del Vittoriano (sala Zanardelli) di Roma da domani fino al 6 gennaio 2013. E' la mostra 'Verso la Grande Guerra. Storia e passioni d'Italia. Dalla crisi di fine Ottocento a D'Annunzio', che ripercorre il contesto nazionale ed internazionale che port alla Prima guerra mondiale. La rassegna costituisce la prima tappa di un percorso espositivo triennale che vedr nel 2013 la mostra 'Italia ed Europa alla vigilia del conflitto e il Futurismo' e culminer nel 2014 con 'La Grande Guerra' in occasione del centenario dall'inizio del conflitto.

La guerra fu vista, seguita e descritta da decine di fotografi, pittori, scrittori che testimoniarono la loro partecipazione mediante i pi svariati mezzi di espressione, dai documenti alle cartoline, dai giornali di trincea ai quaderni delle scuole del fronte, dalle lettere private alla famiglia ai volumi a stampa di memorie. Con la Grande Guerra, infatti, nasce il mondo contemporaneo e il suo 'metodo' di documentare la storia.

L'esposizione stata curata da Romano Ugolini, presidente dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano e da Marco Pizzo, vicedirettore del Museo Centrale del Risorgimento di Roma con la collaborazione di Bruno Vespa e con la direzione ed il coordinamento generale di Alessandro Nicosia e il contributo dell'Istituto Centrale per il Catalogo Unico. La realizzazione di Comunicare Organizzando. L'ingresso gratuito.

"La Grande Guerra stato un passaggio fondamentale nel processo di costruzione del nostro Paese perch nell'affratellamento delle trincee il primo momento vero in cui si sono 'fatti' gli italiani" afferma in una nota il sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei Ministri e presidente del Comitato per la commemorazione, Paolo Peluffo. E aggiunge: "Il protagonista del centenario della guerra sar il popolo italiano, saranno gli italiani, la gente comune, i soldati, le famiglie, un po' come nel capolavoro di Monicelli, 'La grande guerra', del 1959".

Una commemorazione, la mostra inaugurata oggi al Vittoriano, che punta a raccontare la guerra attraverso la storia, la cultura, la letteratura e l'arte, l'economia, l'alimentazione del momento. "Memoria da convogliare - prosegue Peluffo - in un 'Memoriale del popolo in armi', un grande spazio collettivo costruito con il coinvolgimento e la partecipazione di tutti gli italiani. Ogni italiano, infatti, ha un legame con la prima Guerra mondiale. Si , inoltre, ritenuto di inserire le varie iniziative in una prospettiva di 'pace', far conoscere la Guerra e le sue conseguenze per trasmettere il grande valore della pace".

Organizzato in sezioni, il percorso espositivo parte dalla crisi che chiude il XIX secolo e attraversa l'et Giolittiana con la rivoluzione industriale, il colonialismo, l'Italia degli inizi del '900 tra socialisti e cattolici, per approdare a Gabriele D'Annunzio e alle sue imprese fino allo scoppio della guerra.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Spettacolo
commenta commenta 0    invia    stampa