Baseball, Liddi fa la storia: "Che sorpresa il primo homerun in Major League"

Alex Liddi (Getty Images - sito Fibs)Alex Liddi (Getty Images - sito Fibs)
ultimo aggiornamento: 20 settembre, ore 17:20
Cleveland - (Adnkronos) - L'italiano, che sei anni fa si trasferito negli Usa, sta scrivendo la storia del baseball azzurro nelle 'Grandi Leghe'. "Avevo capito subito di aver colpito bene, per pensavo pi ad un doppio. Credevo ad una palla contro il muro, quindi ho corso deciso". (VIDEO)


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Cleveland, 20 set. - (Adnkronos) - ''Avevo capito subito di aver colpito bene, per pensavo pi ad un doppio. Credevo ad una palla contro il muro, quindi ho corso deciso''. Alex Liddi si gode con un pizzico di sorpresa il primo fuoricampo della carriera nella Major League.

Il 23enne terza base sanremese dei Seattle Mariners ha spedito la palla oltre le recinzioni nel match vinto 12-6 sul diamante dei Cleveland Indians in una serata interrotta al settimo inning dalla pioggia. Liddi, protagonista dell'exploit nella seconda ripresa, ha arricchito il suo score con un singolo chiudendo con 2/4 al piatto.

Il ligure, che 6 anni fa si trasferito negli Usa, sta scrivendo la storia del baseball azzurro nelle 'Grandi Leghe'. Liddi il primo giocatore nato e cresciuto in Italia a calcare i campi pi prestigiosi del pianeta. Si guadagnato la chiamata dei Mariners con un'annata da incorniciare con la casacca dei Tacoma Rainiers, nella lega AAA: 104 punti battuti a casa e 121 segnati nella Pacific Coast League. Nella dei Rainiers, Liddi stato il secondo giocatore a raggiungere la tripla cifra in entrambe le voci.

In 138 partite disputate, ha battuto con una media di .259 mettendo a segno, tra l'altro, 30 fuoricampo e 32 doppi. Un paio di settimane fa, finalmente, il grande salto. La prima partita in Major, poi la prima valida e ora l'homerun numero 1: difficile classificare le emozioni provati. ''Sono tutti momenti bellissimi, tutti uguali''.

Il secondo inning nella cornice del Progressive Field di Cleveland rimarr scolpito nella memoria dell'azzurro, che ripensa ai lanci sparati dal pitcher David Huff. ''Un paio di palle veloci e poi -sul conto di 2 strike e 1 ball- penso uno slider. La palla rimasta leggermente alta e sono riuscito a colpire bene'', dice. Ora bisogna recuperare la palla, destinata a diventare un cimelio: ''Ancora non ce l'ho''.

L'homerun stato celebrato con entusiasmo dalla squadra. ''Oh, certo. Sembravano tutti contentissimi per me, quando sono tornato nel dug out e poi mi hanno festeggiato nello spogliatoio'', racconta. Liddi, da quando ha impugnato la mazza per la prima volta, ha collezionato una lunga serie di fuoricampo. A tutti i livelli e su tutti i campi. ''Questo quello che non scorder mai, perch il primo a livello di Major. Io sono qui per produrre punti e vederne un paio sul tabellone per merito mio positivo. Aiutare la squadra mi fa star bene'', dice ancora. C' una sola nota stonata: i genitori, che hanno trascorso le ultime settimane negli Stati Uniti, sono ripartiti poco prima della 'storica' partita. ''Gi, sono partiti oggi. Ma lo vedranno su Internet''.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Sport
commenta commenta 0    invia    stampa