Sochi 2014, minacce terroristiche al Coni.Cio: nessun problema, mail random

ultimo aggiornamento: 22 gennaio, ore 14:17
Roma - (Adnkronos) - Mail anche a comitato austriaco e ungherese. Il Cio ridimensiona: i messaggi non contengono minacce, si tratta di mail random provenienti da un soggetto pubblico. Sochi, Putin vuole smorzare le polemiche: "Benvenuti i diversi orientamenti sessuali"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 22 gen. - (Adnkronos) - Il Coni ha ricevuto questa mattina "una mail contenente minacce terroristiche in vista dei Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014". Il Coni ha trasmesso il contenuto della mail alle Autorit preposte alla sicurezza internazionale per il seguito di competenza. Nello stesso tempo il Comitato Olimpico Nazionale Italiano "manifesta fiducia e serenit nelle misure di sicurezza che sono state garantite dagli Organizzatori al Cio, alle Federazioni Internazionali e ai Comitati Olimpici".

Non solo il Coni ha ricevuto le mail: anche il comitato olimpico austriaco (Oeoc), come quello ungherese e quello italiano, ha ricevuto una email con minacce terroristiche. A Vienna, per, l'allarme gi rientrato. ''Si tratta di un fake inviato da un mittente in Israele che stato attivo inviando minacce per diversi anni'', dice Wolfgang Eichler, portavoce dell'Oeoc, all'agenzia austriaca Apa. ''Sono stati effettuati i controlli perch'' il messaggio '' arrivato due giorni fa''.

Diversa l'opinione di Zsolt Borkai, presidente del comitato magiaro (MOB). L'email, contenente un messaggio in russo e in inglese, dovrebbe ''essere preso in seria considerazione''. A Budapest sono state allertate le unit anti-terrorismo. Il MOB si prontamente messo in contatto con il Comitato olimpico internazionale e con le autorit russe.

Diversi atleti ungheresi hanno ricevuto minacce anonime in inglese e in russo a due settimane dall'inizio delle Olimpiadi invernali. Tali minacce sono arrivate all'indirizzo di posta elettronica del Comitato olimpico ungherese (Mob). Il presidente del Mob, Zsolt Borkai, ha informato della questione l'unit antiterrorismo ungherese (Tek), oltre al Comitato olimpico internazionale (Cio) e al comitato organizzatore di Sochi. Il Tek ha reso noto che sta studiando il caso e di essersi messo in contatto con gli altri comitati olimpici che hanno ricevuto minacce.

Sulle presunte minacce getta acqua sul fuoco il Cio. ''Il Cio tiene in massima considerazione la sicurezza e fornisce ogni informazione attendibile alle autorit di sicurezza. Tuttavia, in questo caso sembra che le email inviate ad alcuni Comitati nazionali non contengano minacce, sembra trattarsi di messaggi random provenienti da un soggetto pubblico''. Rachel Rominger, media relations coordinator del Cio, con un'email all'Adnkronos si esprime cos sui messaggi minatori ricevuti da diversi Comitato olimpici nazionali, tra cui quello italiano, in vista dei Giochi di Sochi 2014.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Sport
commenta commenta 0    invia    stampa