Leopoldo Mastelloni: ''Per la sesta volta svaligiata casa a Napoli, non ne posso pi''

ultimo aggiornamento: 14 giugno, ore 21:29
Napoli - (Adnkronos) - ''Non c'erano gioielli ma tanti ricordi di una vita - si sfoga con l'Adnkronos l'attore - videoregistratori con una memoria e la mia carriera quasi cinquantennale, filmati privati con Federico Fellini, Giulietta Masina, Moravia, Gina Lollobridiga. Persino le mutande mi hanno rubato''. Altre 4 o 5 volte hanno svaligiato la sua casa di Roma. Ritrovata, a tempo di record, la refurtiva dopo un blitz della Polizia all'interno delle Vele celesti, nel cuore di Scampia


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 6    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Napoli, 14 giu. (Adnkronos) - "Mi hanno svaligiato casa, mi hanno rubato tutto quello che c'era nella mia casa di Vico Vasto a Chiaia a Napoli. Non c'erano gioielli ma tanti ricordi di una vita. Due videoregistratori con una lunghissima memoria e la mia carriera quasi cinquantennale. C'erano i filmati privati con Federico Fellini, Giulietta Masina, Moravia, Gina Lollobridiga. Persino le mutande mi hanno rubato, che cosa se ne faranno mai. E' il lungo sfogo che fa all'Adnkronos, l'attore teatrale Leopoldo Mastelloni. L'artista, 68 anni, da meno di un mese si trovava a Milano quando ha saputo che i ladri erano stati a casa sua.

Da Roma Leopoldo Mastelloni fa un lungo sfogo di odio-amore con Napoli. "Mi chiedo come sia possibile che dei ladri entrino in casa mia dal balcone al primo piano, ma a 8 metri di altezza e nessuno si accorge di nulla. Vico Vasto a Chiaia e' una stradina situata nel centro della Napoli elegante, dove c'e' un via vai continuo di auto e persone a tutte le ore del giorno. Non solo: la porta di ingresso della mia casa non si apre dall'interno se non con le chiavi e la serratura non e' stata forzata. Vuol dire che i ladri hanno portato via tutto attraverso il balcone. Una operazione delicata e complicata che ritengo sia impossibile che nessuno si sia accorto di niente".

"Mi hanno portato addirittura via un televisore di un metro e mezzo. Mi chiedo come avranno fatto a scendere da un balcone un televisore senza che nessuno se ne accorgesse. Mi sono molto stufato. E' la sesta volta che mi svaligiano casa a napoli. Altre 4-5 volte mi hanno svaligiato la casa di Roma. Per non parlare degli scippi. In questa citta' ne ho subiti 6 in 3-4 anni. Napoli e' una citta' violenta. Detesto chi dice che certe cose accadono anche a Rio de Janeiro, a Nuova Delhi e a New York. No, a Napoli invece non deve accadere. Non vedo perche' se certe cose accadono altrove debbano accadere anche a Napoli, nella mia citta', no, non deve succedere. Se poi i politici prendono come esempio quanto di negativo esiste nelle altre grandi metropoli, allora io dico prendete come esempio anche quanto c'e' di positivo in queste metropoli", prosegue nel suo sfogo Leopoldo Mastelloni.

"Ero a Milano per un programma con Barbara D'Urso quando mi hanno ripulito casa mia. Non c'erano gioielli ne' denaro, quelli me li hanno portati via durante i furti precedenti. Ma si sono impossessati di quadri a cui tenevo moltissimo come le riproduzioni di Andy Warhol. Poi portafotografie con le immagini dei miei amici piu' cari, la dedica di Edoardo e le mie pellicce. E persino 80 bottiglie di profumo, profumi esclusivi. Ma come hanno fatto a portare via tutto? Hanno messo tutto nelle lenzuola e lo hanno calato giu'. Una mia amica ha detto di avere trovato la mia casa sotto sopra. Nei prossimi giorni verro' a Napoli per sporgere denuncia ma ormai mi hanno rubato tutto", spiega deluso Leopoldo Mastelloni. L'attore che ormai da 8 anni non lavora piu' a Napoli muove delle critiche ai politici.

"Mi rattrista molto non poter piu' lavorare nella mia citta'. Non mi piace come Napoli e' gestita. E' una citta' senza cultura. Superficiale. Non si danno opportunita' ai cittadini di fare i cittadini. Qui c'e' solo l'arte di arrangiarsi. Sono un emigrante di lusso, lavoro ovunque ma non nella mia citta'. C'era tanta speranza su questo nuovo sindaco ma ha bloccato Napoli con le sue Ztl. napoli non somiglia a nessun'altra citta' del mondo. Qui ci vogliono leggi fatte su misure. Ci vuole un grande 'sarto' che le cucia un vestito addosso ed esalti la sua bellezza e la sua importanza. Invece copiano quello che accade nelle altre citta'. Ma Napoli non deve avere altri modelli. Napoli ha una sua grandezza che va rispettata senza scimmiottare altre citta'".

A tempo di record gli agenti del commissariato San Ferdinando competente del territorio su vico Vasto a Chiaia ha ritrovato quasi tutta la refurtiva di casa Mastelloni. Gli agenti di San Ferdinando hanno compiuto un blitz all'interno delle Vele celesti, nel cuore di Scampia. Sorpreso in un appartamento, l'uomo che aveva saccheggiato casa Mastelloni. L'uomo e' stato arrestato.

Mastelloni che si trovava a Roma e' stato convocato in commissariato per il riconoscimento degli oggetti rubati. Tra questi una coperta cucina a mano dalla madre dell'attore, una collezione dei primi Swatch che negli anni '80 andavano a ruba. Erroneamente un'amica scenografa dell'attore gli aveva raccontato anche della sparizione di due videoregistratori che nella memoria contenevano filmati privati di Mastelloni in compagnia di grandi artisti del calibro di Federico Fellini, Giulietta Masina, Gina Lollobrigida, Patroni Griffi e altri ancora.

L'uomo e' un pregiudicato di 49 anni, specializzato in furti di appartamento, che vive ai quartieri Spagnoli, zona ad alta densita' criminale ma situato a ridosso di una delle strade piu' eleganti di Napoli, via dei Mille, adiacente a vico Vasto a Chiaia dove l'attore teatrale vive quando si trova a Napoli. L'indagato e' stato sorpreso in un appartamento occupato abusivamente.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Campania
commenta commenta 0    invia    stampa