La denuncia su ''Il Mattino''

Napoli, babygang chiede pizzo a mamme e bambini per usare giostrine in giardinetto

ultimo aggiornamento: 28 marzo, ore 14:23
Napoli - (Adnkronos) - Tra i 15 e i 17 anni, agiscono nella zona dietro la metropolitana di piazza Cavour, chiedono da uno a cinque euro per far utilizzare i giochi e si presentano dichiarando di appartenere alla camorra


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 8    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Napoli, 28 mar. - (Adnkronos) - ''Apparteniamo alla camorra, dovete pagare se volete restare nel parco''. Questa la minaccia con la quale una babygang riesce a farsi pagare da mamme e bambini il 'pizzo' per andare sulle giorstrine nei giardinetti dietro la metropolitana di piazza Cavour a Napoli.

A quanto denuncia oggi 'Il Mattino' di Napoli, si tratta di una banda di ragazzini che hanno tra i 15 e i 17 anni, agiscono in quattro o cinque, chiedono il pizzo, da uno a cinque euro, per far utilizzare altalene e giostre nel parco alle spalle della metropolitana Cavour. ''Si fanno vivi in gruppo ed in sella a dei motorini, ostentano l'appartenenza a famiglie criminali ed hanno l'aria sicura di chi sa che resta impunito'', accusano mamme e adolescenti minacciati. ''Gazebo panche e arredo urbano sono stati vandalizzati, risse continue tra immigrati, scippi e rapine in pieno giorno. Questo ormai e' il parco''.

Per questo, spiega il quotidiano, Francesco Nacarlo, consigliere della Terza municipalita', e Salvatore Brandi, presidente dell'associazione ''&Napoli'', che dal 2006 si batte per la riqualificazione dei giardini di piazza Cavour, hanno avviato una petizione popolare per ottenere un presidio fisso di polizia o carabinieri.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Campania
commenta commenta 0    invia    stampa