Roma, associazione organizza sfilata di Carnevale con maschere di Mussolini e Hitler: insorge il Municipio IX

ultimo aggiornamento: 04 febbraio, ore 20:47
Roma, 4 feb. - (Adnkronos) - ''Ritengo sia di pessimo gusto per una manifestazione gioiosa come il Carnevale - ha detto il sindaco Gianni Alemanno - l'utilizzo di maschere che rievocano personaggi che ricordano momenti tragici della Storia nazionale e internazionale''.
commenta commenta 0     vota vota 9    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 4 feb. - (Adnkronos) - Sfilata di Carnevale per i bambini delle scuole del IX Municipio di Roma con le maschere di Benito Mussolini e Claretta Petacci, Adolf Hitler ed Eva Braun e scoppia la polemica. L'idea e' dell'associazione Arte Musica e Cultura che ha organizzato per il prossimo 14 febbraio la prima edizione del 'Carnevale in Love'. Tra gli appuntamenti della giornata e' prevista la sfilata su 16 macchine d'epoca di alcune coppie storiche come appunto Mussolini e la Petacci, ma anche come Silvio Berlusconi e Veronica Lario, John Kennedy e Marilyn Monroe.

''E' arrivato, ieri, presso le scuole dell'obbligo del nostro Municipio un programma di eventi culturali in prossimita' delle feste del Carnevale, a cura dell'associazione 'Arte Musica e Cultura' che impressiona per il messaggio insolente che vuole diffondere - sottolinea lo stesso Municipio - Il titolo dell'evento 'Carnevale in love' promette agli spettatori bambini, di far conoscere le storie d'amore piu' belle: Adolf Hitler ed Eva Braun, Benito Mussolini e Clara Petacci. Ed ancora personaggi della 'televisione spazzatura' quali: Carmen Russo, veline e danzatrici brasiliane, per finire, propone un concorso per eleggere Miss Facebook di ultra quarantenne''.

''Il nostro Municipio, informato dai Direttori e dai Presidi dell'episodio - afferma il presidente Susi Fantino - e' da sempre impegnato a divulgare una qualita' della cultura che ha come obiettivi la crescita sociale, culturale ed etica dei nostri cittadini e non puo' certamente accettare, neanche per ironia, maschere-modello come Hitler e Mussolini, padri delle leggi razziali e di anni bui della nostra recente storia. I luoghi indicati per l'evento: Villa lazzaroni, Largo Tacchi Venturi, Largo Colli Albani dalla suddetta associazione non sono stati in alcun modo ne' richiesti ne' tanto meno concessi da questo Municipio che ne ha la competenza. Ci chiediamo chi sia l'ideatore e il finanziatore di questo evento?''.

''Ritengo sia di pessimo gusto per una manifestazione gioiosa come il Carnevale l'utilizzo di maschere che rievocano personaggi che ricordano momenti tragici della Storia nazionale e internazionale''. Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. ''L'Associazione proponente ha presentato un progetto per il quale non e' ancora stata convocata la Conferenza di Servizi e, pertanto, non e' stata concessa alcuna autorizzazione - continua - Tuttavia, ho dato disposizione agli Uffici per proibire l'esibizione di queste maschere di cattivo gusto''.

''L'Associazione Arte Musica e Cultura ha presentato al Comune di Roma la richiesta di autorizzazione per la I edizione del 'Carnevale in Love' che aveva l'intento di offrire a grandi e bambini spettacoli in maschera e di vivere una giornata di sano divertimento. Nel presentare la documentazione al Campidoglio, abbiamo indicato come intenzione, quella di rivivere momenti del passato, che hanno segnato il nostro paese dal punto di vista politico, letterario e cinematografico''. Lo sostiene in una nota l'associazione Arte, Musica e Cultura.

''L'Associazione Arte Musica e Cultura non ha mai avuto alcuna intenzione di fare allusioni politiche o di pubblicizzare personaggi storici, ma semplicemente di organizzare una festa in costume - continua - Ci spiace che quella che era nata come una iniziativa di svago in quella che e', per eccellenza, la festa del ridere di tutto, sia stata interpretata come una provocazione politica e non per quello che e': una semplice occasione di divertimento''.

''Per questo, abbiamo deciso di cancellare la parte delle sfilate che avrebbe visto per protagoniste le maschere di questi personaggi storici 'incriminati' - conclude - Non crediamo, pero', che Carnevale in Love, maschere dell'antica Roma, della Roma Papalina e della Roma moderna, con sbandieratori, bighe, cavalli, carrozze, musica, pittura, teatro e pantomima possa essere etichettato come apologia di movimenti politici del passato, condannati dalla Storia''.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Lazio
commenta commenta 0    invia    stampa