Alla 15esima Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime

Milano, in 150 mila al corteo anti-mafia Don Ciotti: ''Impegniamoci tutti di pi''

Manifestazione anti-mafia (Foto dal sito di 'Libera')  Manifestazione anti-mafia (Foto dal sito di 'Libera')
ultimo aggiornamento: 20 marzo, ore 20:34
Milano - (Adnkronos/Ign) - La manifestazione, organizzata da Libera e Avviso pubblico, si snodata da porta Venezia fino a piazza Duomo. Tra la folla un'enorme bandiera della pace sorretta da decine di ragazzi. L'iniziativa per ricordare le oltre 900 vittime di tutte le mafie
commenta commenta 0     vota vota 11    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 20 mar. (Adnkronos/Ign) - E' una lunga sfilata di nomi, ma anche di volti e di storie quella che attraversa colorata e pacifica piazza del Duomo per ricordare le oltre 900 vittime di tutte le mafie: cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell'ordine, sacerdoti, imprenditori, sindacalisti, esponenti politici e amministratori locali.

"Siamo in 150mila" annunciano gli organizzatori dal palco, ma oltre le cifre c' l'entusiasmo dei giovani che vengono da ogni citt d'Italia. "Legami di legalit, legami di responsabilit": lo slogan scelto per la 15/ma Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Un'iniziativa organizzata da Libera e Avviso Pubblico e con l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio del Comune di Milano, la Provincia di Milano e la Regione Lombardia.

"Noi il pizzo non lo paghiamo" stato il leit motiv intonato dai manifestanti che da Porta Venezia hanno raggiunto il 'salotto' della citt. Un corteo a cui hanno preso parte oltre 500 familiari delle vittime delle mafie in rappresentanza di un coordinamento di oltre 3mila familiari, rappresentanti di Ong provenienti da circa 30 paesi europei e dall'America Latina, che ha raggiunto piazza del Duomo dove, dal palco, hanno preso la parola i familiari di alcune delle vittime della mafia. "Ringrazio gli studenti di giurisprudenza che hanno scelto Ambrosoli come esempio", ha esordito Annalori, vedova del magistrato Giorgio Ambrosoli.

A leggere l'elenco delle vittime si sono alternati esponenti delle forze dell'ordine e politici, come Antonio Di Pietro e Luigi De Magistris, entrambi esponenti dell'Idv, ma anche semplici cittadini. "Di mafia si muore" si leggeva su alcuni cartelli. Tra la folla dei manifestanti spiccavano una enorme bandiera della pace sorretta da decine di ragazzi e uno striscione in ricordo dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

A coordinare gli interventi stata Simona Dalla Chiesa, figlia del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa mentre a dare 'energia' sul palco ci ha pensato Frankie Hi Nrg. Tra i manifestanti c'erano studenti napoletani, ragazzi del movimento antimafie 'Ammazzateci tutti', nato all'indomani dell'omicidio di Francesco Fortugno, e intere famiglie.

"Impegniamoci tutti i giorni di pi, tutti", ha detto Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, che con il suo intervento ha chiuso la manifestazione. "Il rispetto e la pratica delle leggi devono essere di tutti", ha osservato in piazza del Duomo. "La ricchezza della democrazia - ha aggiunto - data dal coraggio di chi porta avanti la cultura dell'impegno per il bene comune e non per individualismo".

Una giornata per ricordare le vittime di tutte le mafie "perch non ci sono morti di serie a e di serie b" che, continua Don Ciotti, "non un evento, ma la tappa di un cammino sociale che dura 365 giorni l'anno". Il ricordo "di chi morto per la giustizia lo stimolo per rafforzare le regole di una democrazia altrimenti fragile". Poi, l'invito alla politica "perch - conclude - torni ad essere con la p maiuscola e ricominci a parlare ai cittadini".

Tra i politici presenti c'erano l'ex segretario del Pd, Walter Veltroni, il candidato del Pd alla Regione Lombardia Filippo Penati e il portavoce della Federazione della Sinistra, Paolo Ferrero. Tra i presenti anche il figlio della giornalista russa Anna Politkovskaja, i figli dei desaparecidos e dalla Colombia rappresentanti del Movice, movimento vittime dei crimini di Stato.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Lombardia
commenta commenta 0    invia    stampa