Sar cremata e seppellita tra i nonni paterni, nel cimitero della cittadina

Yara, a Brembate di Sopra l'ultimo saluto. Napolitano: sua storia ha commosso Italia

(Adnkronos)  (Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 28 maggio, ore 16:31
Brembate - (Adnkronos) - A sei mesi dall'omicidio ancora senza colpevoli, l'addio alla 13enne uccisa il 26 novembre scorso. Circa 5.000 le persone presenti alla cerimonia al Palazzetto dello sport (FOTO). L'appello del vescovo di Bergamo durante l'omelia: "Assassini uscite dall'oscurit". I genitori: "Uno scricciolo pieno d'amore"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 3    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Brembate di Sopra (Bergamo), 28 mag. - (Adnkronos) - "Noi vorremmo guardarli in faccia quei volti, incrociare i loro sguardi, vorremmo dirgli uscite dall'oscurit che sta mangiando anche voi". E' l'appello lanciato dal vescovo di Bergamo, Francesco Beschi, durante l'omelia per i funerali di Yara Gambirasio, la 13enne uccisa il 26 novembre scorso.

Come previsto, il Palazzetto dello sport - dove sono state vietate immagini e foto all'interno - era gremito di persone che hanno voluto dare l'ultimo saluto alla piccola vittima. Circa 5.000 le persone presenti alla cerimonia. I 400 posti all'interno sono stati occupati da familiari e autorit, mentre amici e semplici conoscenti hanno preso posto nel giardino della struttura dove stato allestito un maxi schermo.

Sulla bara della 13enne c'era la sua foto e un fascio di rose gialle. In prima fila ad assistere ai funerali oltre ai genitori anche i tre fratelli di Yara: Keba, Gioele e Natan. Pi volte, durante la funzione religiosa durata quasi due ore, amici e concittadini della giovane promessa della ginnastica hanno applaudito. "Yara - ha sottolineato il vescovo - non semplicemente morta, su di lei abbiamo visto accanirsi il male". Beschi non ha dimenticato i volontari e le forze dell'ordine che per tre mesi hanno cercato senza sosta la 13enne, poi si rivolge a pap Fulvio e mamma Maura invitandoli a non abbandonare la fede. "L'amore pi grande dell'odio, l'onest pi bella della menzogna".

"Uno scricciolo pieno di amore, di sensibilit, di amore smisurato per gli altri". Cos mamma Maura e pap Fulvio hanno ricordato in un messaggio la loro piccola. Nel messaggio, letto sull'altare da un diacono, i genitori hanno ringraziato l'intera comunit che ha "sorretto e condiviso questo dramma".

Presenti alla cerimonia pubblica anche gli amici, i compagni di scuola, chi frequentava con lei la palestra, ma anche tanti conoscenti o semplici curiosi. Non sono mancati i volontari della protezione civile che hanno continuato senza sosta le ricerche fino al 26 febbraio scorso, quando il corpo senza vita fu trovato in un campo a Chignolo d'Isola. Per loro arrivato l'invito, non condiviso, di non indossare la divisa per evitare possibili contestazioni.

Il feretro della 13enne, che ha lasciato tra gli applausi la palestra, ha raggiunto il cimitero dove stata cremata e seppellita tra i nonni paterni.

La sua storia "ha commosso tutta l'Italia". Cos il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio inviato in occasione dei funerali della 13enne. La lettera del capo dello Stato, che ha inviato anche dei fiori, stata letta dal sindaco di Brembate di Sopra, Diego Locatelli. Nella missiva, Napolitano si univa "al dolore della famiglia e della comunit di Brembate di Sopra". L'auspicio " che si riesca a far luce sul delitto di Yara".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Lombardia
commenta commenta 0    invia    stampa