Lampedusa, raccolti migliaia di libri per l'apertura di una biblioteca dell'Isola

ultimo aggiornamento: 29 agosto, ore 20:56
Palermo - (Adnkronos) - Accolto l'appello lanciato a fine luglio dal sindaco. Giusi Nicolini all'ADNKRONOS: "Stordita da tanta partecipazione degli italiani"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 9    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Palermo, 29 ago. (Adnkronos) - Oltre 400 scatole contenenti migliaia di libri, provenienti da tutta Italia. Cittadini privati, associazioni, case editrici, comuni, province e altre istituzioni, hanno accolto l'appello lanciato a fine luglio dal sindaco di lampedusa, la battagliera Giusi Nicolini, per l'apertura di una biblioteca sull'Isola delle Pelagie. Questa sera l'iniziativa e' stata presentata alla libreria Modusvivendi di Palermo alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, dell'assessore alla cultura Francesco Giambrone e di numerosi palermitani. La libreria ha avviato una raccolta di fondi da trasformare in buoni libri per inviarli al Comune di Lampedusa in vista dell'apertura della biblioteca prevista per questo inverno.

"Sono molto emozionata -spiega Giusi Nicolini all'Adnkronos- non avrei mai pensato che il mio appello, poi rilanciato da Twitter e Facebook ottenesse un'eco cosi' grande. Sono davvero stordita da tanta partecipazione". Per la biblioteca di Lampedusa, mai esistita sull'Isola, si e' mosso anche il Quirinale che ha telefonato al primo cittadino. "Ho ricevuto pacchi da tutta Italia -spiega ancora Nicolini- ci sono sia libri nuovi che usati. E' un segnale bellissimo. Perfino autori di libri mi hanno mandato le loro opere appena saputo del mio appello".

In particolare il sindaco Nicolini chiede l'invio di libri per ragazzi. "Naturalmente accoglieremmo anche volentieri libri di narrativa, saggistica e di ogni altro genere. Mi piacerebbe aprire una sezione dedicata all'immigrazione, ma anche al mare Mediterraneo, visto che la nostra Isola e' al centro del Mediterraneo". "Abbiamo accolto immediatamente l'appello lanciato dal sindaco Nicolini -dice Fabrizio Piazza, della libreria Modusvivendi- finora abbiamo raccolto buoni libro per circa 500 euro, ma siamo solo all'inizio. Pensiamo di potere raggiungere una cifra ben piu' alta da destinare alla biblioteca di Lampedusa". L'appello lanciato da Nicolini a fine luglio ebbe una grande eco soprattutto sui social network, da Facebook a Twitter. "Adesso non ci sentiamo piu' soli a Lampedusa -conclude il sindaco- sappiamo che la gente ci sta vicino e questo ci rende felici".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Sicilia
commenta commenta 0    invia    stampa