Prometeo - Sostenibilit
Sono i risultati del Global RepTrak 100

Bmw, Walt Disney, Rolex e Google aziende con la pi alta reputazione al mondo

ultimo aggiornamento: 10 aprile, ore 17:50
Tre le caratteristiche in comune: hanno una corporate story che tocca tutte e 7 le dimensioni della reputazione; coinvolgono gli stakeholder non solo a livello di prodotto ma anche a livello corporate; hanno una visione sistematica per integrare la reputazione nella presa decisionale


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 6    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 10 apr. (Adnkronos) - Bmw, The Walt Disney Company, Rolex e Google guadagnano i gradini pi alti nella classifica tra le aziende con la pi alta reputazione al mondo. I risultati del Global RepTrak 100, studio realizzato dal Reputation Institute e frutto di pi di 55.000 interviste realizzate in 15 paesi, mostrano che al miglioramento di 5 punti della reputazione cresce del 7% la disponibilit dei consumatori a raccomandare un'azienda.

''Le aziende migliori come BMW e The Walt Disney Company -dice Kasper Ulf Nielsen, Executive Partner, Reputation Institute- lavorano sistematicamente sulla loro reputazione. La reputazione integrata nella loro strategia e riescono a coglierne i risultati in termini di business''. Perch i leader sono al top della classifica? I migliori del Global RepTrak 100 hanno tre caratteristiche in comune: hanno una corporate story che tocca tutte e 7 le dimensioni della reputazione; coinvolgono gli stakeholder non solo a livello di prodotto ma anche a livello corporate; hanno una visione sistematica per integrare la reputazione nella presa decisionale.

''In Bmw -dice Bill McAndrews, responsabile della Corporate Communication di BMW per il gruppo- la fiducia il pilastro su cui lavoriamo e che offre ai nostri brand il fondamento per crescere. Da anni coltiviamo relazioni con i nostri stakeholder basate su concretezza e affidabilit. Il risultato una cultura della comunicazione basata su una continua fiducia''.

L'impatto economico della reputazione in cima ai pensieri dei 313 business leader che hanno partecipato al Reputation Leaders Study di quest'anno. Il 60% di questi vede un rapporto diretto tra reputazione e fedelt all'azienda, fatturato e quote di mercato. Ma solo il 20% pensa di essere in grado di cogliere questa opportunit e di proteggere l'azienda dai rischi reputazionali utilizzando i processi e gli strumenti gi ''in casa''. Con il 56% dei business leader che dicono che la Reputazione una priorit alta per il Top Management e il Board e il 63% che si aspettano che il Reputation Management diventi una priorit nei prossimi 2-3 anni, necessario agire subito.

''Le aziende -dice Nicolas Georges Trad, Executive Partner, Reputation Institute- hanno riconosciuto il valore della reputazione ma devono affrontare nuove sfide che in maggioranza non si sentono pronte ad affrontare. La complessit pi evidente la mancanza di un processo strutturato per integrare reputazione e business planning e questo limita la loro capacit di guidare la fedelt dei consumatori, di aumentare le vendite e di catturare quote di mercato''.

Tra i principali risultati degli studi 2013 sulla Reputazione emerge che Bmw l'unica azienda a posizionarsi tra le top 5 in tutte e 7 le dimensioni (prodotto e servizi, innovazione, posto di lavoro, eticit, responsabilit sociale, performance aziendale e leadership del management; Nestl entra nella global top 10 per la prima volta; Apple esce dalle top 10 - passa dal 5 al 12 posto; solo 16 aziende su 100 hanno una reputazione pi forte a livello globale che nel loro paese d'origine; le aziende estere sono meno raccomandate di quelle locali. La raccomandabilit infatti diminuisce del 55%. E ancora: il 53% dei manager intervistati ritiene che la reputazione impatti le vendite; il 63% si aspetta che il Reputation Management diventi una priorit nei prossimi 2-3 anni.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Csr
commenta commenta 0    invia    stampa