Prometeo - Sostenibilit

Greenpeace, McCartney scrive a Putin: "Liberate i 30 attivisti"

ultimo aggiornamento: 14 novembre, ore 15:28
Roma - (Adnkronos/Ign) - L'ex Beatles in difesa dei militanti ecologisti detenuti in Russia da settembre dopo l'assalto alla piattaforma Gazprom nell'Artico: "Milioni di persone le sarebbero grate se ponesse fine a questa vicenda". Tra gli attivisti anche l'italiano Cristian D'Alessandro. Su Twitter la mobilitazione Letta #metticilafirma


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 3    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 14 nov. - (Adnkronos/Ign) - A dieci anni dalla sua esibizione nella Piazza Rossa, Paul McCartney scende in campo a difesa degli Arctic 30 e lo fa scrivendo direttamente una lettera al presidente Vladimir Putin, chiedendogli di "usare la sua influenza per far tornare i detenuti dalle loro famiglie". Il tono rispettoso e confidenziale, ma fermo nel difendere l'operato di Greenpeace. (Blog Paul McCartney)

"Caro Vladimir - esordisce in maniera informale l'ex Beatles - spero che questa mia lettera ti trovi bene. So di certo - assicura - che Greenpeace non un'organizzazione anti russa. Dalla mia esperienza posso dire che infastidiscono ogni governo! Ma da nessun governo n associazione in nessuna parte del mondo prendono soldi e soprattutto sono pacifici. La non violenza parte essenziale di ci che sono". Poi Mc Cartney ricorda le parole dello stesso Putin: "Lei stesso ha detto che non sono pirati, beh questo qualcosa su cui tutti possono concordare. Altrettanto importante che essi non pensano di essere al di sopra della legge e che sono disposti a rispondere di ci che hanno fatto. Quindi, pu esserci una via d'uscita che accontenti tutti?".

"Vladimir - continua McCartney nella lettera - milioni di persone le sarebbero enormemente grati se potesse intervenire per porre fine a questa vicenda. Capisco che tribunali e presidenza russi sono separati tuttavia mi chiedo se non possa usare la sua influenza per far tornare i detenuti dalle loro famiglie". In una nota alla lettera Paul Mc Cartney fa sapere di non aver avuto ancora risposta dal presidente Putin. Ha invece "gentilmente risposto l'ambasciatore russo affermando che la situazione degli attivisti non viene adeguatamente rappresentata dai media. Sarebbe bello se questo malinteso potesse essere risolto e i manifestanti possano essere rimandati a casa dalle loro famiglie in tempo per Natale. Viviamo nella speranza", conclude l'ex Beatles.

Tra gli attivisti detenuti in Russia da quasi due mesi, c' anche l'italiano Cristian D'Alessandro. E alla notizia della lettera, il padre del giovane ha espresso tutta la sua gratitudine: "Che uno dei pi grandi musicisti del secolo abbia deciso di scrivere una lettera con un commento cos positivo sugli attivisti di Greenpeace non pu che farci piacere", ha detto all'Adnkronos Aristide D'Alessandro.

Il nome di McCartney si aggiunge cos alla lunga lista di quanti hanno gi chiesto la liberazione degli Arcti 30, lista che comprende anche diversi premi Nobel, ma alla quale manca il nome di Enrico Letta. "Abbiamo fatto pi di un appello al Presidente Letta, ma non abbiamo ancora ricevuto nessuna risposta n manifestazione di sostegno", aggiunge Aristide D'Alessandro.

Proprio per chiedere al Premier di prendere una posizione forte in merito alla vicenda, Greenpeace ha lanciato una mobilitazione sul sito http://metticilafirma.greenpeace.it, alla quale hanno aderito quasi di 20mila persone. "Gi 139 parlamentari sostengono ufficialmente l'appello per la scarcerazione degli Arctic30 e lo stop delle trivellazioni nell'Artico. In Europa, Angela Merkel, David Cameron e il Primo Ministro francese Hollande hanno pubblicamente espresso il loro desiderio di vedere presto risolta la situazione degli attivisti di Greenpeace. A questo movimento di sostegno europeo manca per una voce importante, quella del Primo Ministro italiano, che pure stato pi volte sollecitato in questo senso", afferma Cristiana De Lia, responsabile della Campagna Artico per Greenpeace Italia.

Tutte le adesioni sono state rese pubbliche attraverso l'account https://twitter.com/MetticiLaFirma. I tweet singoli rivolti a Enrico Letta inviati tramite il sito sono invece circa 2400: secondo PokeDem l'account Twitter di Letta stato il pi twittato ieri, grazie agli hashtag #MetticiLaFirma e #FreeTheArctic30.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Dalla A alla Z
commenta commenta 0    invia    stampa