Prometeo - Sostenibilit
Quasi 120 milioni di cittadini europei sono a rischio di povert o di esclusione sociale

Fondo Ue per aiuti agli indigenti mantenuto al livello attuale di 3,5 mld

ultimo aggiornamento: 13 giugno, ore 12:24
Il Parlamento europeo dice no al taglio di un miliardo di euro proposto dalla Commissione e dagli Stati membri


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 9    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Bruxelles, 13 giu. - (Adnkronos) - Il Fondo europeo per gli aiuti agli indigenti deve essere mantenuto almeno al livello attuale di 3,5 miliardi di euro e non ridotto a 2,5 miliardi. Lo ha ribadito il Parlamento europeo in merito al taglio di un miliardo di euro proposto dalla Commissione europea e dagli Stati membri, durante i negoziati sul bilancio a lungo termine dell'Ue. "Quasi 120 milioni di cittadini europei sono a rischio di povert o di esclusione sociale. Oltre 40 milioni soffrono di grave deprivazione materiale e i senzatetto sono oltre quattro milioni. Il nuovo fondo uno strumento importante per alleviare gli effetti della crisi economica e sociale e rappresenta l'espressione concreta della solidariet dell'Europa verso i suoi cittadini pi vulnerabili", dichiara il relatore Emer Costello, nel corso del dibattito dedicato al Fondo.

Il nuovo programma per il 2014-2020 destinato a sostituire il programma di distribuzione di derrate alimentari previsto per sfruttare al meglio le eccedenze alimentari dell'Ue prodotte nell'ambito della politica agricola comune. Il campo di applicazione del nuovo fondo andr oltre la distribuzione di cibo per soddisfare anche altre esigenze di base dei cittadini pi indigenti dell'Ue. Ieri, il Parlamento ha votato per mantenere il bilancio del nuovo fondo per il 2014-2020 almeno al livello attuale di 3,5 miliardi di euro e la maggioranza dei deputati ha votato per rendere la partecipazione al Fondo obbligatoria. Questo significa che, se uno Stato membro decide di non fare uso del fondo, il bilancio dovrebbe essere ancora disponibile per i cittadini pi indigenti. Tuttavia, una grande minoranza di deputati ha sostenuto che la partecipazione degli Stati membri "dovrebbe essere volontaria".

I deputati auspicano inoltre che il contributo standard Ue al co-finanziamento del costo del programma sia dell'85% della spesa ammissibile (la Commissione aveva proposto l'85% come massimo), affermando che dovrebbe essere possibile aumentare questa percentuale al 95% per coloro pi gravemente colpiti dalla crisi. Il testo modificato stato approvato con 513 voti a favore, 149 contrari e 27 astensioni, mentre il voto sulla risoluzione legislativa stata rinviato per permettere l'inizio dei negoziati informali con il Consiglio. L'ammontare del bilancio finale del fondo dipender anche dall'esito dei negoziati sul bilancio UE per il 2014-2020.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di In Pubblico
commenta commenta 0    invia    stampa