Prometeo - Sostenibilit

Lontano il raggiungimento dell'obiettivo europeo sull'efficienza energetica

ultimo aggiornamento: 21 novembre, ore 16:23
La fotografia della realt italiana affrontata in occasione del convegno Fire dedicato all'energy managemen


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 3    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma 21 nov. - (Adnkronos) - Una fotografia ad ampio raggio delle realt italiane che hanno direttamente a che fare con le problematiche energetiche e un approfondimento su modalit di intervento, strumenti e formule finanziarie necessarie per raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica. Questi i punti affrontati nelle quattro sezioni del convegno Fire dedicato all'energy management. "Nonostante l'efficienza energetica sia conveniente, nella realt l'unico pilastro della politica europea del 20 20 20 lontano dall'essere raggiunto'', dichiara Dario Di Santo, direttore Fire, la federazione italiana per l'uso razionale dell'energia.

Illustrando la direttiva europea sull'efficienza energetica, Di Santo sottolinea "la mancanza di un target obbligatorio specifico" e che "occorre considerare che l'efficienza energetica una materia complessa e lo sviluppo consistente del mercato richiesto dagli obiettivi comunitari, nonch dal buon senso, richiede un supporto pubblico e un approccio sistemico. Non basta il fatto che sia conveniente, perch purtroppo rimane ancora oggi in buona parte sconosciuta, nonostante l'aumento di sensibilit degli ultimi anni. La direttiva sull'efficienza energetica in fase di recepimento offre un'ottima leva per conseguire i risultati sperati, ma occorre una visione strategica che al momento alla classe politica sembra mancare, come dimostrano gli sconti offerti agli energivori che frenano l'efficienza energetica, ossia l'unica soluzione strutturale per le imprese all'aumento dei costi''.

La direttiva va a toccare degli aspetti importanti, promuovendo ad esempio gli acquisti intelligenti nella Pa, l'obbligo di realizzare diagnosi nelle grandi imprese e il modello Esco con finanziamento tramite terzi. Altra novit l'utilizzo intelligente delle risorse e la spinta verso i sistemi di gestione energia

Figura chiave nel contesto energetico l'energy manager. Oggi in totale sono 2.736, ma indicativo come a livello di Pa ne hanno nominato uno solo due amministrazioni centrali, 7 regioni su 20, 43 province su 110, 7 su 10 citt metropolitane, 36 comuni capoluogo su 110 e 69 comuni. ''In altre parole su un ente che nomina ce ne sono almeno 10 che non lo fanno, un aspetto che non aiuta certo nell'attuazione della spending review'', evidenzia Di Santo. In pi, stando a quanto emerso dal convegno, la posizione dell'Italia nei sistemi gestione energia non ottimale rispetto al resto dei paesi europei, considerando la nostra natura manifatturiera e la nostra dipendenza dall'estero per le fonti fossili.

Eppure, i Sistemi di Gestione Energia sono strumenti strategici per l'industria e nello specifico nel campo dell'automazione: ad esempio, il Gruppo Comau ha ottenuto oltre il 30% di riduzione dell'indicatore di consumo energetico a livello globale su un consumo complessivo mondiale di circa 7 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio. Azioni di energy management hanno senso quando ogni processo chiaro fin dall'inizio: necessario partire dall'audit energetico per trovare le soluzione ed avere la conoscenza della situazione in termini quantitativi, nonch degli obiettivi misurabili; senza un sistema di misura, infatti, non si pu valute l'effettiva efficienza avuta alla fine.

Purtroppo, spesso non esiste un iter chiaro e non si fa niente per porvi rimedio. Nel convegno, ampio spazio stato dedicato agli aspetti finanziari, trattati da quattro rappresentanti di istituti finanziari (Mediocredito italiano, Bit, Finlombarda, Banca Etica). Le banche si stanno organizzando per offrire finanziamenti basati sulla validit dei progetti. '' fondamentale - continua Di Santo - un percorso condiviso di crescita lato finanza e lato utenti, visto che spesso i progetti di efficienza non sono bancabili in quanto non sufficientemente strutturati da un punto di vista di definizione e gestione dei rischi, aspetto centrale per evitare il finanziamento basato sul merito creditizio o su garanzie reali. La Fire sta lavorando attivamente ormai da qualche anno per colmare questo gap e facilitare l'incontro fra domanda e offerta di tecnologie e servizi per l'efficienza energetica, passando per il finanziamento tramite terzi".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Risorse
commenta commenta 0    invia    stampa