Prometeo - Sostenibilit
Rappresentante dell'Italia Marco Roveda, fondatore e presidente di LifeGate

Nasce il WorldShift Council on the G-20, Governo ombra per la sostenibilit

ultimo aggiornamento: 15 novembre, ore 11:21
Il Ws20 ambisce a dare una direzione etica alle scelte dei Grandi del pianeta, troppo spesso di solo orientamento economico.


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 6    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 15 nov. - (Adnkronos) - Nasce all'indomani del G20 di Seul il 'Consiglio Mondiale dei 20', il WorldShift Council on the G-20, che si pone come una sorta di Governo ombra dell'assise che dal 2008 accoglie le 20 principali economie mondiali. Ambizioso l'obiettivo del Ws20: sensibilizzare queste economie e l'opinione pubblica sulle tematiche dell'etica e della sostenibilit. E per raggiungere questo traguardo, venti tra le pi eminenti personalit al mondo hanno infatti deciso di mettersi insieme per costituire un 'consiglio etico' del G-20, con l'obiettivo di gettare le basi per un reale sviluppo consapevole del pianeta.

I primi passi del WorldShift Council on the G-20 (Ws20) sono stati mossi lo scorso giugno, in concomitanza con gli incontri di Toronto del G-20. Ma il movimento ora punta dritta l'attenzione sulle potenzialit di una nuova civilt in grado di vivere in armonia, pace e prosperit con se stessa e con l'ambiente.

Il Ws20, inoltre, nasce come risposta olistica al G-20 e ambisce a dare una direzione globale e sostenibile alle scelte del G-20, troppo spesso di solo orientamento economico. I membri del WordShift Council "si sono distinti per un'etica esemplare" sottolinea il Governo ombra dei 20 grandi del pianeta. Nel team anche un rappresentante dell'Italia, Marco Roveda, fondatore e presidente di LifeGate. "Sono molto orgoglioso di essere attivamente coinvolto in questa iniziativa che si prefigge l'obiettivo di promuovere un nuovo stile di vita", afferma Roveda all'ADNKRONOS.

Nutrito il team degli altri membri del Ws20, composto da Jose Arguelles, Deepak Chopra, Jim Garrison, Jonathan Granoff, Hazel Henderson, Jean Houston, Barbara Marx Hubbard, Min Jiayin, Ervin Laszlo, Federico Mayor, Edgar Mitchell, Tomoyo Nonaka, Paul Ray, Douglas Roche, Peter Russell, Masami Saionji, Marilyn Schlitz, Karan Singh e Hiroshi Tasaka.

A ognuno di loro stato richiesto un commento, un contributo, una dichiarazione sulla societ, sui valori e sull'approccio al mondo. Tutte queste dichiarazioni, insieme, costituiscono i semi della bozza di quella che sar la prima 'Dichiarazione del Ws-20' che verr presentata il 21 novembre prossimo ad Hong Kong, nella cornice dell'Asia Consciousness Festival. "Manca una visione olistica e -afferma ancora Roveda- occorre ridefinire gli obiettivi principali, ovvero: riequilibrare l'ecosistema, ridare fiducia nel futuro passando a un'economia people-planet-profit".

"Questo vorrebbe dire -prosegue- rifare il mondo da capo. Come in un dopoguerra in cui si ricostruisce tutto. Ed noto che nei dopoguerra c' un grande fiorire dell'economia". L'impegno principale, conclude Roveda, " quello di far s che i grandi decisori individuino e mettano a fuoco la 'causa'. Ad esempio, oggi ci sono numerosi incentivi e sussidi ma non ci sono fondi destinati a diffondere i valori della nuova Civilt. Ecco perch necessario che dalla globalizzazione sorga un mondo migliore. La globalizzazione una sfida, possiamo prepararci ad affrontarla bene".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Risorse
commenta commenta 0    invia    stampa