Prometeo - Sostenibilit
Fontani (Nucleco): "Sul sito nazionale per i rifiuti radioattivi nessuna data certa"

Settemila mc di scorie radioattive a Casaccia, alle porte di Roma

ultimo aggiornamento: 15 marzo, ore 14:35
Documentato da una video inchiesta Adnkronos-Prometeo


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 7    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 15 mar. - (Adnkronos) - Osteria nuova, alle porte di Roma. Qui, all'interno del centro di ricerche Enea di Casaccia, c' il deposito della Nucleco, controllata per il 40% da Enea e per il 60% da Sogin, la societ di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari italiani e della gestione e messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi oggi ospitati all'interno di 5 capannoni. Ad oggi, i 5 depositi della Nucleco ospitano "poco pi di 7 mila metri cubi di rifiuti radioattivi, contenuti in circa 2500 fusti prodotti dagli anni '90 e fino al 2009", spiega all'Adnkronos l'ad della Nucleco Emanuele Fontani.

Costruito negli anni '80 il deposito Nucleco doveva essere una sistemazione temporanea in attesa del sito nazionale che, a distanza di quasi 30 anni, ancora non stato realizzato. "Oggi siamo nella fase in cui dovranno essere definiti i criteri per poi arrivare all'individuazione delle aree. Un procedimento, come in tutti i Paesi, estremamente complesso. Non c' ad oggi una data certa non essendoci stato ad oggi un intervento concreto da parte dello Stato che non ha rilasciato i criteri - spiega Fontani - Quando ci sar una data certa, noi ci dovremo adeguare per spedire i rifiuti al deposito nazionale. Ma da questo punto di vista siamo gi pronti, anche se il deposito dovesse arrivare domani".

Il programma di avere il deposito nazionale per il 2025, ma una volta realizzato il deposito nazionale "bisogna conferire e per conferire ci vorranno probabilmente 10 anni". Sulla data, quindi, continua ad esserci incertezza.

Ad oggi Sogin in attesa di recepire dall'Ispra i criteri per l'individuazione del sito, ma sui tempi e sul luogo la partita ancora aperta, mentre dalle agende politiche il tema sembra essere scomparso. "Nessuno oggi parla di deposito nazionale o lo mette al centro delle proprie agende politiche", aggiunge Fontani spiegando che il deposito " un diritto degli italiani se gli italiani vorranno continuare a curarsi e curare alcune tipologie di tumore con sorgenti radioattive. Se vogliamo, come cittadini italiani, risolvere il problema del passato esercizio delle centrali nucleari e risolvere un problema futuro per poter continuare a utilizzare sostanze radioattive per la cura dei tumori dovremo trovare una soluzione per il depositi nazionale".

Mentre l'Italia aspetta il deposito definitivo, l'espansione urbana ha raggiunto la prossimit del deposito Nucleco, visibile anche dalla strada che costeggia il centro. Nel 2003, l'allora capo del Sismi Nicol Pollari aveva riferito alla Camera, davanti alla Commissione del ciclo dei rifiuti, sollevando proprio le criticit legate alla sicurezza.

"Nei 5 depositi della Casaccia ad oggi abbiamo meno dello 0,3% della radioattivit nazionale - commenta l'ad Nucleco - Significa che abbiamo un quantitativo irrisorio di radioattivit, di conseguenza ci troviamo in una situazione molto simile ad altri depositi italiani in prossimit di altri centri abitati. Abbiamo anche un piano di emergenza che si estende per alcune centinaia di metri. Entrando, poi, c' un apparato di security e guardie armate con i massimi livelli di security, difficile che un terrorista possa entrare qui".

In realt, le telecamere dell'Adnkronos sono arrivate a pochi metri dai depositi, semplicemente facendo pochi passi a piedi dalla strada che costeggia il centro, e senza incontrare nessuna segnaletica di divieto. Per quanto riguarda invece la sicurezza interna dei depositi, Fontani ammette che i capannoni hanno bisogno, all'esterno, di "piccoli interventi di restyling", ma che l'importante il contenuto.

"Il deposito strutturato all'interno secondo i migliori standard di resistenza - assicura - ci sono delle lamiere ricoperte di materiale ignifugo e alcuni di questi fusti sono legati in alto per resistere a un eventuale terremoto. Noi teniamo in considerazione tutti i possibili incidenti, ma ovvio che c' bisogno di un orizzonte temporale che ci dica per quanto altro tempo i fusti dovranno essere conservati qui".

I capannoni contengono sia i rifiuti gi trattati, sia quelli che devono ancora subire la complessa procedura di condizionamento e che continuano e continueranno ad arrivare soprattutto dagli ospedali. La questione centrale resta quindi l'individuazione e la realizzazione del deposito nazionale che permetterebbe di mettere in sicurezza in maniera definitiva e negli spazi adeguati i rifiuti radioattivi presenti non solo a Casaccia, ma in varie localit italiane.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Risorse
commenta commenta 0    invia    stampa