Prometeo - Sostenibilit
Idee innovative per l'ambiente e, soprattutto 'in rosa' per celebrare l'8 marzo

Con le donne la viticoltura 'eco friendly', al bando la plastica tra i filari

ultimo aggiornamento: 05 marzo, ore 15:06
Nell'azienda di Chiara Innocenti, (presidente dei giovani imprenditori della Cia Toscana) e di Francesca e Andrea, i legacci verdi sono stati sostituiti da un cordino di cellulosa, completamente biodegradabile


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 5    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 5 mar. - (Adnkronos) - Con le donne la viticoltura diventa 'eco friendly' e mette al bando la plastica presente tra i filari. Idee innovative per l'ambiente e, soprattutto 'in rosa' per celebrare l'8 marzo. L'idea di una giovane azienda vitivinicola, 15 ettari di vigneto nelle colline della Val di Chiana, della Confederazione italiana agricoltori. Ogni anno, infatti, le nostre vigne consumano 10 chili di plastica per ettaro, sotto forma di quel legaccio verde che si usa per fissare le viti alle strutture di sostegno, il cosiddetto 'tubetto agricolo' in Pvc. Sicuramente si tratta di uno strumento di lavoro comodo e resistente, ma non per niente ecologico.

Per questo nell'azienda di Chiara Innocenti, (presidente dei giovani imprenditori della Cia Toscana) e di Francesca e Andrea, i legacci verdi sono stati sostituiti da un cordino di cellulosa, completamente biodegradabile. In questo modo, i tre giovani conduttori d'azienda, hanno eliminato la plastica dalla propria vigna. E nel dettaglio, risparmiano cos 16 chilometri di filo l'anno, pari a 150 chili di plastica. Un gesto ecologico, che evita, tra l'altro, che il terreno circostante si riempia presto di laccetti verdi.

''In pratica, continuando cos, tra qualche decennio il nostro vigneto avrebbe avuto una splendida copertura plastificata'', ha affermato Chiara, la responsabile commerciale dell'azienda, particolarmente soddisfatta della 'new entry' ecologica, che d alle vigne della societ agricola 'Tunia' anche un riconoscimento alla sensibilit ambientale, oltre ai meriti enologici del 'Chiassobuio', ultimo nato in casa bio, ma anche del 'Chiarofiore' e del 'Cantomoro'.

Questo cordino, fatto di fibre di cellulosa, una volta rimosso dalle piante pu tranquillamente essere lasciato sul terreno perch si degrada come qualsiasi altro materiale vegetale, oltre a essere ''esteticamente molto pi gradevole'', aggiunge Chiara. I tre giovani conduttori d'azienda, una biologa, un esperto in comunicazione e una dottoressa in economia, provengono da esperienze differenti, che hanno deciso di mollare per scegliere la vita in campagna.

Chiara, ad esempio, con una laurea in economia e un contratto in banca a Milano, stata vittima di uno dei tanti ''tagli al personale''. Cambia strada e ricomincia da capo. Nel 2008, insieme a Francesca, ristruttura un podere di 25 ettari ai piedi del castello di Dorna, nel cuore della Val di Chiana, e mette su un'azienda vitivinicola, coinvolgendo anche Andrea, chiamato a occuparsi dell'aspetto pi imprenditoriale dell'azienda. Ora producono 4 tipi di vino, un vin santo e l'olio.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di World in Progress
commenta commenta 0    invia    stampa