Prometeo - Sostenibilit

Dai prodotti per l'igiene e la casa fino all'uso in cucina, i mille volti della lavanda

ultimo aggiornamento: 25 marzo, ore 17:23
L'azienda 'Podere poggio alle querce' punta a riscoprire la tradizione


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 6    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 25 mar. - (Adnkronos) - Dai prodotti per l'igiene e per la casa, fino agli usi alimentari e officinali. E' questo il mondo della lavanda sul quale ha deciso di puntare una piccola azienda situata in provincia di Ancona. L'idea di Donatella Manetti, titolare dell'azienda e presidente Donne in campo della Cia, Confederazione italiana agricoltori delle Marche che all'Adnkronos spiega: l'obiettivo '' di riscoprire la tradizione''. L'azienda 'Podere poggio alle querce' coltiva in modo biologico la lavanda e la trasforma, grazie alla collaborazione di aziende artigianali del territorio, anche in prodotti per la cosmesi. Cinque ettari dedicati alla viticoltura e alla lavanda, ''a basso impatto ambientale. Tutte le strutture, infatti, sono biocompatibili''.

Si tratta, spiega Manetti, ''di piante autoctone. Per la mia attivit, dunque, ho deciso di puntare su delle piante che fanno parte del territorio e rispettano la biodiversit''. Non un'agricoltura classica, ''e non ha incentivi''. Per questo ''ho dovuto dare vita ad un tipo di marketing diverso che ne sottolineasse l'impiego non solo nel campo agroalimentare''. Pi in dettaglio, con l'essiccazione dei fiori vengono realizzati sacchetti e cuscini profumati da utilizzare per la profumazione di ambienti. Con la distillazione si ottengono oli essenziali per usi alimentari e officinali, mentre con l'idrolato si creano tonici e detergenti. Ma si contempla anche la cosmesi. Non solo con sapone e bagno schiuma. ''Con un'azienda locale, ad esempio, stiamo cercando di realizzare un emolliente per le labbra''.

Ma la lavanda ha enormi potenzialit anche in cucina, ''sostituendola ai semi di anice o come erba aromatica nel pane e sulle carni''. La crisi, per, si fa sentire un po' per tutti anche ''se i miei prodotti sono molto semplici e non molto costosi''. Ma a cambiare non tanto il fatturato quanto la richiesta del prodotto. Nell'ultimo anno, ad esempio, ''molte persone mi hanno chiesto il prodotto semilavorato per il fai da te e realizzare, ad esempio, le bomboniere''. Un trend che pu essere letto ''come una conseguenza della difficile congiuntura economica''. Ma il vero problema per il settore, resta la burocrazia: "siamo pi carta che materiale organico" conclude la Manetti.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di World in Progress
commenta commenta 0    invia    stampa