Prometeo - Sostenibilit
Esperti a confronto nel Centro Ricerche di Frascati

Energia, Enea: rilanciare in Europa il progetto Fast sulla fusione nucleare

ultimo aggiornamento: 17 gennaio, ore 17:01
In vista del nuovo Programma Quadro europeo 2014-2018 (Pq Fp8) che decider "i finanziamenti per gli impianti sperimentali esistenti o in fase di costruzione"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 9    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 17 gen. - (Adnkronos) - "E' ora il momento" di "rilanciare il progetto Fast", in vista del nuovo Programma Quadro europeo 2014-2018 (Pq Fp8) che decider "i finanziamenti per gli impianti sperimentali esistenti o in fase di costruzione". E' questa la proposta emersa oggi all'avvio del brain storm "Prospettive per il programma italiano sulla fusione: un satellite europeo a partire dalla proposta Fast", che si tiene fino a domani al Centro Ricerche Enea di Frascati. Il confronto fra esperti avviato nel workshop dell'Enea incentrato proprio sulla proposta scientifica riguardante l'esperimento Fast, Fusion Advanced Studies Torus.

"Questo nuovo esperimento, che nasce dalla creativit e competenza italiane, e che verr realizzato in Italia, -spiega l'Enea- accompagner Iter nella sua fase operativa e per questo viene considerato come suo 'satellite'". "La macchina Tokamak Fast, proposta dall'associazione Enea-Euratom- determinante -prosegue l'Agenzia- per il mantenimento del livello di eccellenza delle competenze nazionali conseguito in questo settore strategico e per partecipare alle scelte energetiche future".

"La fusione nucleare oggi considerata -spiega l'Enea- una delle opzioni utili per garantire una fonte di energia di larga scala, sostenibile, sicura e praticamente inesauribile. La fusione la fonte energetica che alimenta il Sole e tutte le stelle. Se si riuscisse a riprodurre questa sorgente sulla Terra potremmo disporre di una fonte praticamente illimitata di energia, senza emissioni nocive n di gas serra"

"La costruzione di Iter, che sar il primo impianto a fusione di dimensioni paragonabili a quelle di una centrale elettrica convenzionale, iniziata nel 2007 in Francia, nel sito di Cadarache, costituisce un passo decisivo verso la dimostrazione della fattibilit scientifica e tecnologica della produzione di energia da fusione termonucleare controllata" aggiunge l'Enea che, nel quadro delle politiche internazionali, con il brain storm di Frascati tira cos un bilancio dello stato della ricerca sulla fusione nel nostro Paese.

Volendo fare un paragone, prosegue l'Enea, "Fast pu essere vista come una sorta di galleria del vento per i collaudi aerodinamici". Questo progetto "consentir infatti di provare materiali avanzati, tecniche innovative e modalit operative prima che queste vengano utilizzate in Iter, che un esperimento meno flessibile e ha costi operativi maggiori". Con questo esperimento, "Iter potr raggiungere gli obiettivi prefissati pi rapidamente e con maggior sicurezza e la comunit scientifica italiana avr un ruolo da protagonista nell'era dell'energia da fusione".

"Fast vuole essere integrato e condiviso nel programma europeo, che gi l'ha considerato favorevolmente sul piano scientifico, come risulta da una revisione del programma europeo fatta da un Panel internazionale nel 2008. Fast, inoltre, -sottolinea l'Enea- avr importanti ricadute economiche sull'industria e la tecnologia italiane, come gi avviene per la partecipazione della nostra industria alla costruzione di Iter con l'acquisizione di prestigiose commesse".

Oltre ai rappresentanti dell'Enea, al convegno partecipano gli studiosi che fanno capo agli altri due laboratori di eccellenza italiani nel settore della fusione, il Consorzio Rfx di Padova e l'Istituto di Fisica del Plasma del Cnr di Milano, nonch esperti di numerose universit Italiane che collaborano al programma. L'Enea ricorda quindi di essere "fortemente impegnata nelle ricerche sulla fusione, sia nel campo della fisica sia in ambito tecnologico".

Le attivit dell'Enea vengono svolte nel quadro del programma Euratom per la fusione che coinvolge i Paesi dell'Unione Europea e la Svizzera. Oltre a svolgere il ruolo di coordinamento delle attivit sulla fusione a livello nazionale, l'Enea ricorda infine di lavorare "in stretta collaborazione con l'industria, grazie alle eccellenti professionalit ed alle infrastrutture di ricerca del Centro di Frascati, sede dell'Unit Tecnica per la Fusione Nucleare".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di World in Progress
commenta commenta 0    invia    stampa