"Quando vengono inserite nel contenitore della plastica possono provocare problemi"

Le bioplastiche non si gettano ovunque, il giusto contenitore quello dell'organico

ultimo aggiornamento: 27 luglio, ore 15:34
Ad invitare i cittadini ed essere pi responsabili Andrea Messori, consigliere di amministrazione del consorzio Carpi, Consorzio autonomo riciclo plastica Italia


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 27 lug. - (Adnkronos) - Non ci sono dubbi che la bioplastica sia un materiale innovativo ma, come in tutte le cose, bisogna fare attenzione soprattutto per quando riguarda la biodegradabilit. Ad invitare i cittadini ed essere pi responsabili Andrea Messori, consigliere di amministrazione del consorzio Carpi, Consorzio autonomo riciclo plastica Italia che gestisce la raccolta e il riciclo degli imballaggi in plastica terziari, ossia del settore privato.

Con le sue attuali 30 aziende, Carpi raccoglie e ricicla il 50% della plastica derivante dagli imballaggi terziari, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi nazionali e comunitari di riciclo. Pi precisamente, in Italia si raccolgono e si recuperano circa 710mila tonnellate di plastica di cui 355mila derivano da raccolta urbana e domestica, di competenza di Corepla. Le restanti 355mila sono di competenza del circuito indipendente e di questa quota Carpi raccoglie e ricicla circa 200mila tonnellate.

Nel campo della raccolta e del riciclo, la bioplastica "pur trattandosi di un materiale innovativo, comporta diversi problemi". Ad iniziare da dove viene gettato. "La bioplastica deve andare nell'organico, e quando viene inserito nel contenitore della plastica pu provocare problemi". Secondo quanto riferisce Messori, " importante ricordare che non tutte le plastiche sono compatibili tra loro e se non ci si accorge del'oggetto realizzato in bioplastica pu creare problemi nella fase di riciclo". Purtroppo, per, il messaggio che passa " che tanto la bioplastica si degrada". Ma non proprio cos: "il materiale biodegradabile non sparisce per magia ma necessita di alcune condizioni biochimiche e di temperatura, fissate dalla normativa". Condizioni che si verificano "solo nella frazione organica". "Non vero, dunque, che il sacchetto biodegradabile pu essere gettato ovunque. Anche il sacchetto biodegradabile se ingerito pu uccidere un delfino".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
commenta commenta 0    invia    stampa