Tecnologia Apa (Air Pollution Abatement)

Arriva a Ecomondo la macchina 'mangia smog', per migliorare la qualit dell'aria

ultimo aggiornamento: 09 novembre, ore 17:39
Capace di aspirare le polveri sottili e il pm10 dall'atmosfera, con un abbattimento maggiore dell'80%


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Rimini, 9 nov. - (Adnkronos) - Per migliorare la qualit dell'aria arriva la macchina 'mangia smog'. La tecnologia Apa (Air Pollution Abatement), capace di aspirare le polveri sottili e il pm10 dall'atmosfera, con un abbattimento maggiore dell'80%, stata presentata a Rimini in occasione di Ecomondo, la Fiera Internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile.

In particolare, spiega all'Adnkronos, Giuseppe Spanto, amministratore delegato Is Tech, la start up italiana che ha inventato questo sistema, "questa piattaforma intelligente di abbattimento delle polveri atmosferiche si integra in progetti disciplinari in ambito urbano ma anche industriale". Ma come funziona? Apa cattura gli inquinanti e le porta in acqua, riproducendo il ciclo naturale di quando piove. La pioggia, infatti, abbatte gli inquinanti.

Attualmente sul mercato "ci sono altre soluzioni di altro genere meno performanti che generano rifiuti speciali". Mentre il punto di forza di Apa la sua versatilit come "ad esempio la sua capacit di cambiare forma e di essere adattata agli ambiti di impiego, non genera rifiuti speciali e consuma pochissima energia". Quanto ai progetti in corso "aldil di alcune sperimentazione, ci sono 3-4 amministrazioni con le quali stiamo discutendo in maniera interessante perch un mercato che sta maturando. L'attenzione della Pubblica amministrazione sempre maggiore anche sulla spinta dei cittadini. Ci sono poi degli ambiti industriali con i quali stiamo dialogando".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
commenta commenta 0    invia    stampa