'NDRANGHETA: PROCESSO 'TIRRENO', ASSOLTI LOIERO E FIORITA (2)
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


'NDRANGHETA: PROCESSO 'TIRRENO', ASSOLTI LOIERO E FIORITA (2)
89 GLI ERGASTOLI, RICONOSCIUTA ASSOCIAZIONE MAFIOSA PER COSCA

(Adnkronos) - Ottantantanove gli ergastoli comminati dalla Corte di Assise di Palmi a carico della cosca Piromalli-Mole', arrivati dopo 358 udienze dibattimentali e quattro anni di procedimento. I giudici di Palmi hanno riconosciuto l'associazione a delinquere di stampo mafioso ipotizzata dalla accusa. Una associazione della quale, secondo i magistrati, non hanno mai fatto parte Loiero, Fiorita e Boemi, quest'ultimo editore di Telespazio. Sono stati tutti e tre assolti per non aver commesso il fatto.

L'inchiesta ha permesso di far luce sulle infiltrazioni della cosca nella gestione degli appalti per la costruzione della centrale dell'Enel di Gioia Tauro e sui suoi tentativi di coinvolgere nella scalata personaggi politici calabresi. Come e' accaduto al senatore Loiero.

Un quadro che emerge chiaramente dalla requisitoria dello stesso pubblico ministero, Pennisi. ''Quando la 'ndrangheta incontra un ostacolo -aveva detto a fine agosto il magistrato in aula - lo rimuove con ogni mezzo, non necessariamente con l'eliminazione fisica: esistono collaudate alternative che vanno dalla tentata corruzione alla delegittimazione. Certamente il personaggio che ostacola il piano terminale perseguito puo' diventare colluso con la mafia. In caso contrario, sicuramente ne sara' vittima. Loiero e' un ostacolo? Lo si affronta. Pennisi e' un ostacolo? Lo si affronta''. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)