CASO LENTINI: LEGALI BERLUSCONI, MANIFESTE CONTRADDITORIETA'
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


CASO LENTINI: LEGALI BERLUSCONI, MANIFESTE CONTRADDITORIETA'

Milano, 28 mag. - (Adnkronos) - ''E' bastato un piccolo maquillage dell'accusa per convincere il Gip a ordinare l'ennesimo rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi. Il falso in bilancio del Milan, che pochi giorni fa appariva al giudice 'indimostrato', risulta ora sufficiente ad offrire materia per un processo. Non importa se i fatti sono tenuti assieme da una trama sfilacciata dalla quale affiorano manifeste contradditorieta' e confuse sovrapposizioni''. Lo afferma una nota dei legali di Silvio Berlusconi, Ennio Amodio e Giuseppe De Luca.

''Qual e' l'addebito? Avere pagato una parte del prezzo in nero per l'acquisto di Lentini attingendo a riserve delle casse sociali, di cui pero' non c'e' alcuna traccia, o avere contratto un debito con altra societa' che avrebbe effettuato il versamento, senza peraltro mai rivendicare al Milan di avere fatto un prestito? E cosa c'entra con l'affare Lentini Silvio Berlusconi, che nessuno evoca mai sulla scena dalle trattative e dei rapporti che avrebbero condotto a siglare il contratto?. Inutile porsi troppe domande -prosegue la nota- l'udienza preliminare battezzata dai giuristi come filtro delle accuse azzardate, si e' ora di fatto trasformata nella sede naturale delle imputazioni aggiustate''.

(Red/Lr/Adnkronos)