PUBBLICITA': NEL MIRINO DEI FRATI SPOT LAVAZZA E 'TOP GUN'
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


PUBBLICITA': NEL MIRINO DEI FRATI SPOT LAVAZZA E 'TOP GUN'

Roma, 17 nov. (Adnkronos) - La pubblicita' finisce nel mirino della Chiesa. La Misna -l'agenzia di stampa dei missionari italiani- ha, infatti, deciso di 'monitorare' il settore pubblicitario, dedicando ampio spazio alle associazioni religiose che segnalano spot negativi o poco edificanti. Con il titolo ''pubblicita' regresso'' la Misna ha cosi' reso nota la protesta di due importanti movimenti religiosi che invitavano due note aziende italiane, la Lavazza e la De Agostini a cambiare spot.

La Scuola di Formazione Missionaria alla Mondialita' di Palazzolo Milanese, infatti, e' scesa in campo contro la pubblicita' della Lavazza che presenta San Pietro in Paradiso che beve caffe'. ''Non sappiamo se San Pietro beva il caffe', ma se lo beve probabilmente la sua marca preferita non e' Lavazza. Al caffe' della grande distribuzione che offre ampi margini di profitto alle ditte che lo esportano e cifre irrisorie per i contadini del Sud del mondo, tali da non permettere loro una esistenza dignitosa, pensiamo che San Pietro -sostengono- preferisca il caffe' del commercio equo e solidale''. Dello stesso tono la protesta del Segretariato Nazionale 'Giustizia, Pace, Ecologia' dei frati cappuccini che denunciano la ''profonda indignazione'' di ''Top gun'', un'opera editoriale della De Agostini che illustra tutte le piu' famose imprese dell'aviazione militare. ''Come cittadini di un paese che ripudia la guerra -scrivono- e come cristiani riteniamo scandalosa un'opera di propaganda bellica, cosi' come genitori ed educatori la riteniamo profondamente antieducativa''.

(Sin/Gs/Adnkronos)