FORLEO: ASSOLTO VICEQUESTORE, ACCUSATO DI DEPISTAGGIO IN OMICIDIO
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


FORLEO: ASSOLTO VICEQUESTORE, ACCUSATO DI DEPISTAGGIO IN OMICIDIO
DOPO 6 ANNI, RICONOSCIUTA DAL TRIBUNALE INNOCENZA GIUSEPPE ARACE

Salerno, 25 nov. - (Adnkronos) - Accusato di aver depistato le indagini nell'omicidio di un imprenditore edile, un funzionario di polizia e' stato assolto ieri dal Tribunale di Nocera Inferiore dopo una vicenda giudiziaria durata sei anni. Si tratta del vicequestore aggiunto Giuseppe Arace, gia' dirigente del commissariato di Sarno, in provincia di Salerno, che nel 1992 fu sospeso dalle funzioni dal ministero dell'Interno in seguito all'inchiesta aperta sul suo conto dalla Direzione distrettuale antimafia di Salerno. Il sostituto procuratore Ennio Bonadies imputo' ad Arace l'accusa di favoreggiamento e falso nell'inchiesta per l'assassinio del costruttore Aniello Cordasco, avvenuta a Sarno il 28 gennaio 1988, poiche' avrebbe indirizzato le indagini in modo errato. A conclusione delle indagini, il Gip dispose il rinvio a giudizio, inviando gli atti al dibattimento.

Subito dopo l'omicidio di Cordasco, il vicequestore Arace, all'epoca dirigente del commissariato di Sarno, indirizzo' le indagini sulla pista del delitto passionale. A sostegno di questa ipotesi, Arace aveva dalla sua il rinvenimento di sperma sui pantaloni del cadavere del costruttore. Dopo tre anni di indagini, il caso fu archiviato dalla magistratura perche' non erano stati identificati gli esecutori. Nel '92 il pentito della camorra Pasquale Galasso dichiaro' ai magistrati della Procura di Salerno di essere stato il mandante dell'omicidio Cordasco, per cui quel delitto non aveva niente a che fare, come avevano riportato i giornali, con vicende di donne e sesso. Da quelle dichiarazioni del boss camorristico nacquero i guai giudiziari di Arace, che sono finiti ieri con l'assolizione perche' ''il fatto non sussiste''. Sul piano amministrativo, invece, la vicenda del vicequestore aggiunto e' ancora aperta, rimanendo sospeso dalle funzioni. (segue)

(Sin/Zn/Adnkronos)