ECSTASY: VASCO ROSSI, 'NON HO MAI USATO L'EROINA'
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


ECSTASY: VASCO ROSSI, 'NON HO MAI USATO L'EROINA'
'LA GUERRA CONTRO LA DROGA NON SI VINCE AUGURANDOMI LA MORTE'

Roma, 17 nov. (Adnkronos) - Vasco Rossi e la droga, seconda puntata. Dopo l'intervista a 'Il manifesto' che ha scatenato un putiferio di polemiche, il rocker interviene in prima pagina su 'La nazione' per precisare il senso del suo intervento. ''Forse mi sono espresso male -scrive Vasco-. Ho sempre pensato e lo penso tuttora che l'eroina e' una sostanza molto pericolosa dalla quale stare alla larga. Una subdola nemica che si e' portata via tanti amici''.

''Ora c'e' l'ecstasy -scrive ancora Vasco-: dicono sia ugualmente pericolosa. Io non lo so, non sono un esperto. Ma anch'io ho sempre avuto timore a prendere certe pasticche sulle quali non c'e' nemmeno scritta la data di scadenza. Le droghe pesanti sono molto pericolose. Per questo non le vorrei vedere vendute ad ogni angolo di strada. Questo e' il senso del discorso che ho fatto nell'intervista a 'Il manifesto', auspicando un reale e preventivo controllo delle sostanze al posto dell'attuale situazione di mercato clandestino (proibizionismo) che, secondo me, fa circolare di tutto, anche sostanze avariate. Mi dispiace di aver causato tutto questo fastidio con una dichiarazione forse fuori luogo in questo momento''.

''Quando muore qualcuno -conclude Vasco-, soprattutto un ragazzo, l'emozione e' forte, lo capisco. Ma la guerra contro la droga non si vince augurando la morte a me dalle pagine di un giornale. E nemmeno con le parole, purtroppo''. Nell'intervista a 'Il manifesto', Vasco Rossi aveva affermato che ai suoi figli non avrebbe mai detto ''che la droga fa schifo o che e' cattiva perche' non e' vero, la droga e' uno sballo, purtroppo uno sballo che costa molto caro', che ''Jannick Blesio e' un'altra vittima del proibizionismo'' e che la soluzione e' quella di vendere le droghe, anche le piu' pesanti, in farmacia.

(Mag/Gs/Adnkronos)