DISABILI: NENCINI, IN TOSCANA DISCORSI CONCRETI E NON DISCORSI (2)
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


DISABILI: NENCINI, IN TOSCANA DISCORSI CONCRETI E NON DISCORSI (2)

(Adnkronos) - E ancora: ''Con la festa - ha detto Nencini - richiamiamo quel 30 novembre 1786 quando la Toscana, allora un Granducato, fu il primo Paese al mondo ad abolire la pena di morte, una pena che ancora oggi risulta in vigore in piu' della meta' dei Paesi aderenti alle Nazioni unite. All'epoca fu un esempio che non venne seguito da nessuno. Ma nonostante la pena di morte, come detto, sia ancora prevista in molti Paesi, esiste comunque un dibattito internazionale su questo tema, il percorso e' stato tracciato, e questo dimostra di quale livello fu la scelta di civilta' che fece la Toscana oltre due secoli fa''.

''Ogni anno per celebrare quell'evento scegliamo un tema", ha continuato Nencini, ''e quest'anno la scelta non e' stata facile. E' l'anno internazionale del disabile e noi volevamo e vogliamo evitare di fare retorica. Ma poi abbiamo riflettuto che nello spirito della festa della Toscana, che e' una festa per il diritto alla vita, celebrare la diversita' come valore fondante dell'uguaglianza voleva e vuol dire celebrare il diritto stesso alla vita, che poi e' cio' su cui si basa l'abolizione della pena di morte''. (segue)

(Red-Xio/Cnz/Adnkronos)