DISABILI: NENCINI, IN TOSCANA DISCORSI CONCRETI E NON DISCORSI (3)
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


DISABILI: NENCINI, IN TOSCANA DISCORSI CONCRETI E NON DISCORSI (3)

(Adnkronos) - Nencini e' quindi entrato piu' specificatamente nel tema della festa: ''La celebriamo dal 2000. Il primo anno venne dedicata alla pena di morte, nel 2001 alla liberta' delle idee, lo scorso anno alle donne e all'emancipazione femminile, quest'anno ai diversamente capaci. La cosa straordinaria e' che in questi anni il suo valore e' cresciuto notevolmente e con esso la partecipazione. Basti pensare che ci sono oltre seicento eventi programmati ed ormai e' chiaro anche che la festa della Toscana non e' piu', qualora lo sia mai stata, una festa regionale, ma una festa universale il cui solo aspetto regionale e' che si celebra in Toscana''.

Nencini si e' quindi avviato alla conclusione. ''Non e' facile definire la persona disabile. Il suo valore e' la diversita', ma tutti noi siamo diversi, e siamo tutti diversi perche' siamo anche e soprattutto uguali, tutti uguali, specie nei valori e nei diritti. Ha detto bene un bambino di una scuola di Reggello alcuni giorni fa, quando gli e' stato chiesto cos'e' un disabile ha risposto che e' un'altra persona, punto e basta. Ed e' proprio cosi'. E' un'altra persona, punto e basta''. (segue)

(Red-Xio/Rs/Adnkronos)