GRAVIDANZA: STUDIO GB, TAGLIO CESAREO AUMENTA RISCHIO ABORTI
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


GRAVIDANZA: STUDIO GB, TAGLIO CESAREO AUMENTA RISCHIO ABORTI
A VOLTE E' INDISPENSABILE, EVITARLO SE E' SOLO 'PER COMODITA''

Cambridge, 27 nov. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - EMBARGO ALLE ORE 01.01 DI DOMANI - Un parto con taglio cesareo alla prima gravidanza raddoppia il rischio di aborto nella successiva. Lo rivela uno studio inglese pubblicato su 'Lancet'. I ricercatori dell'universita' di Cambridge, dopo avere esaminato i dati relativi a 120 mila nascite avvenute tra il 1992 e il 1998, suggeriscono che i decessi dei secondogeniti poco prima del parto potrebbero essere associati a disfunzioni della placenta provocate dal cesareo subito alla prima gravidanza.

Precedenti studi indicano infatti che il taglio cesareo puo' compromettere la formazione e il benessere della placenta nelle successive gravidanze. Tuttavia, secondo gli esperti, il rischio di aborto rimane complessivamente basso: una morte tardiva del feto ogni 1.100 casi. L'analisi dei dati ha rivelato che, su un campione di 10 mila gravidanze, si verificano ogni settimana 2,4 casi di bambini nati morti nelle donne che hanno subito un taglio cesareo alla prima gravidanza e 1,4 casi nelle donne il cui primo figlio e' nato con parto naturale. Ma i ricercatori ricordano anche che, nei casi di parto podalico, se non si interviene con il cesareo si verificano 8,3 decessi ogni 1.000 nascite. Quindi, in questi casi il cesareo e' altamente consigliabile. Al contrario ''questi dati - commentano gli autori - devono far riflettere le mamme in attesa che scelgono il cesareo solo 'per comodita''.

(Sal/Pn/Adnkronos)