ITALIANI ALL'ESTERO: INNOCENTI, ASSEGNO SOCIALE PER CONNAZIONALI
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


ITALIANI ALL'ESTERO: INNOCENTI, ASSEGNO SOCIALE PER CONNAZIONALI

Roma, 27 nov. - (Adnkronos) - ''La proposta da parte dell'Ulivo, di un emendamento per introdurre un assegno sociale per gli italiani all'estero, rappresenta una prova concreta dell'impegno di solidarieta' che il centrosinistra sta svolgendo a favore dei cittadini italiani residenti all'estero piu' disagiati e abbandonati dalle politiche governative''. Lo ha affermato Renzo Innocenti esponente dei Democratici di sinistra, dopo la presentazione della proposta da parte dell'Ulivo, di un emendamento volto a introdurre l'assegno di solidarieta' per i cittadini italiani residenti all'estero che si trovino in condizioni socio-economiche disagiate, alla commissione Bilancio della Camera dei Deputati, nel corso dei lavori della Camera sulla legge Finanziaria del 2004.

''L'assegno di solidarieta' - ha aggiunto Innocenti - e' una delle richieste piu' pressanti avanzata dalle comunita' italiane all'estero e ribadita recentemente anche dal Consiglio Generale degli Italiani all'Estero (CGIE). Un'esigenza avvertita soprattutto dalle comunita' che risiedono nei Paesi colpiti da crisi economica e sociale come l'Argentina, l'Uruguay e il Venezuela. Con questa proposta l'Ulivo mantiene gli impegni che ha assunto direttamente nei confronti delle comunita' italiane nel mondo, come le giornate de l'Ulivo che si sono svolte a fine settembre in oltre 50 citta' del mondo''.

Il testo dell'emendamento che prevede la somma di 120.000 euro per il prossimo triennio, suddivisi in 40.000 euro per ciascun anno, e' stato firmato da Innocenti (Ds), Sereni (Ds), Pistelli (Margherita), Cordoni (Ds), Calzolaio (Ds), Spini (Ds), Mattarella (Margherita), Folena (Ds), Leoni (Ds), Sesa Amici (Ds) e Giovanni Bianchi (presidente Comitato italiani nel mondo della Margherita).

(Red/Rs/Adnkronos)