LAMEZIA TERME: GOVERNATA DA UNA CUPOLA AFFARISTICO MAFIOSA
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


LAMEZIA TERME: GOVERNATA DA UNA CUPOLA AFFARISTICO MAFIOSA
L'IPOTESI NEI VERBALI DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA

Lamezia Terme, 26 nov. - (Adnkronos) - Lamezia Terme era ed e' governata da un cupola ''affaristico mafiosa'' che decide oltre che sulla gestione pubblica anche sulle sorti di ogni singolo cittadino. Un dato inquietante che emerge con prepotenza dalla pagine dei verbali delle audizioni della Commissione Parlamentare antimafia. A far balenare questo tipo di ipotesi, che sarebbe al vaglio degli investigatori e della magistratura inquirente, Massimo Brutti, componente della commissione parlamentare antimafia, nella seduta dell'otto ottobre del 2002, ventitre giorni prima della decisione del consiglio dei ministri di sciogliere il comune per presunti infiltrazioni mafiose.

Nell'aula delle udienze di Palazzo San Macuto, alla presenza del ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu, risuona prepotentemente una frase: ''l'omicidio dell'avvocato Ciriaco a Lamezia Terme, getta un fascio di luce su una serie di intrighi e di traffici che riguardano la criminalita' organizzata, ma anche famiglie dell' establishment lametino nonche' la sfera politica''. (segue)

(Prs/Pn/Adnkronos)