MAFIA: PARENTI VITTIME STRAGE FIRENZE, VERITA' CONFINATA IN SILENZIO
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


MAFIA: PARENTI VITTIME STRAGE FIRENZE, VERITA' CONFINATA IN SILENZIO

Firenze, 27 nov. - (Adnkronos) - ''Un silenzio, spesso totale, da dieci anni contribuisce a non arrivare alla verità sulle stragi del 1993. Noi, i familiari delle vittime, non possiamo che confidare nella nostra continua e faticosa presenza, sperando che prima o poi la verità sia gridata come giustizia vuole''. E' quanto si legge in una nota a firma di Giovanna Maggiani Chelli, dell'Associazione tra i familiari delle vittime di via dei Georgofili. L'occasione scaturisce dall'ultima udienza del processo per il fallito attentato allo stadio Olimpico di Roma, nell'autunno '93,svoltasi ieri a Firenze, che ha visto la deposizione, come teste citato dalla difesa di Toto' Riina e Giuseppe Graviano, del pentito Nino Giuffré.

Giovanna Maggiani Chelli rileva come Giuffré non abbia ''elencato i 'nuovi' nomi dei politici, degli uomini che dal 1987 diventarono oggetto di attenzioni da parte dell'ala stragista di Cosa nostra. Nessuna delle parti del processo - afferma ancora nella nota - per più validi motivi'', ha chiesto quei nomi, ma ''noi familiari delle vittime pur non potendo fare altro che prenderne atto, non possiamo esimerci dal rendere noto ancora una volta di quanto sia difficile ottenere giustizia in questo Paese e di quanto siamo convinti che in tutto ciò i media abbiano una notevole parte di responsabilità''.

(Afi/Rs/Adnkronos)