ARTE: AMANDA LEAR SVELA I SEGRETI DI SALVADOR DALI' (3)
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


ARTE: AMANDA LEAR SVELA I SEGRETI DI SALVADOR DALI' (3)
IN USCITA ANCHE ROMANZO DEL PITTORE, PER LA PRIMA VOLTA IN VERSIONE ORIGINALE

(Adnkronos) - Amanda Lear fa riferimento ad un libro scritto da Dali', intitolato 'Visi nascosti', scoperto per caso nel 1982 dal suo segretario e pubblicato in Francia il 5 febbraio scorso, per la prima volta in versione originale. Il romanzo postula il principio del cosiddetto 'cledalismo', dal nome della sua eroina, Solange de Cleda, notoriamente ispirata alla viscontessa Marie-Lauree de Noailles, mecenate e musa dei surrealiste. Secondo l'autore, il 'cledalismo' rappresenta, in amore, 'il piacere e la sofferenza sublimati in una identificazione trascendentale con l'oggetto'.

''In 'Visi nascosti' - spiega la Lear - si ritrova lo snobismo del Dali' figlio di un notaio di Figueras. Nelle donne, egli amava l'eleganza mondana, le unghie lunghe. Era molto affascinato dai grandi amori che non si consumano, che si sublimano nell'arte. Era questo il terzo aspetto che, secondo lui, mancava all'opera di de Sade. Questi aveva il sadismo e il masochismo, Dali' ha inventato il cledalismo. Questo rifiuto del contatto carnale si accordava bene con la sua impotenza, che lui proclamava ovunque, vera o falsa che fosse''. (segue)

(Rre/Gs/Adnkronos)