'NDRANGHETA: OPERAZIONE CARABINIERI COSENZA, SCOPERTI MANDANTI E AUTORI OMICIDI (3)
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


'NDRANGHETA: OPERAZIONE CARABINIERI COSENZA, SCOPERTI MANDANTI E AUTORI OMICIDI (3)

(Adnkronos) - Nella conferenza stampa che ha illustrato i dettagli del blitz nella caserma cittadina dei carabinieri, il procuratore aggiunto della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, Mario Spagnuolo, ha chiarito che "Missing 3" e' stata possibile grazie alla riapertura delle indagini su quattro delitti per i quali erano state emesse sentenze di non luogo a procedere. Lo stesso Spagnuolo ha chiesto e ottenuto al gip distrettuale Tiziana Macri' la revoca di tre sentenze di non luogo a procedere vergate negli anni passati per i delitti di Pasqualino Perri, Carlo Mazzei, Giovanni Drago, Francesco Porco. Tutti consumati tra la citta' dei Bruzi e la costa tirrenica tra il '78 e l'82.

Il procuratore aggiunto, affiancato nell'incontro con i giornalisti dal procuratore capo Mariano Lombardi, dal sostituto procuratore della Dna Emilio Ledonne, dal colonnello Roberto Pugnetti del Ros e dal colonnello del Comando provinciale cosentino Demetrio Buscia, ha chiarito che l'ambizione e' di riuscire a riunire tutte e tre le operazioni "Missing" giungendo a un unico maxi processo a settembre. Il procuratore Lombardi ha poi sottolineato il coinvolgimento anche in questa inchiesta dei Rom, stigmatizzando la pericolosita' del clan degli zingari e indicando in uno degli arresati, Fioravante Abbruzzese, l'attuale capo della cosca.

Con l’operazione "Missing 3", in carcere sono finti, con l'accusa di essere, a vario titolo, i mandanti e gli esecutori materiali di alcuni omicidi, sono finiti: Fioravante Abruzzese, 53 anni, e Giovanni Abruzzese, 48 anni, per l'omicidio di Carlo Mazzei; Mario Baratta, 56 anni, per l'omicidio di Giovanni Drago; Vincenzo Bianchino, 49 anni, e Giuseppe Iirillo, 49 anni, per l'assassinio di Carlo Mazzei; Antonio Musacco, 61anni , e Pasquale Pranno, 55 ann, per l'omicidio di Giovanni Drago; Francesco Pirola, 53 anni, per l'omicidio di Francesco Porco; Mario Pranno, 51 anni, per gli omicidi di Giovanni Drago e Carlo Mazzei.

(Prs/Gs/Adnkronos)