'68: CARADONNA, ALMIRANTE GUIDO'' GLI SCONTRI ALL'UNIVERSITA'
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


'68: CARADONNA, ALMIRANTE GUIDO'' GLI SCONTRI ALL'UNIVERSITA'

Roma, 12 mar. (Adnkronos)- "Il primo scontro importante si ha alla facoltÓ di Architettura, il cuore della rivolta sessantottina a Roma. Alla fine interviene la polizia che si scontra con i giovani. Tra loro c'erano attivisti del Msi, non pi¨ militanti del partito, che si erano radunati per l'occasione. Successivamente a Valle Giulia venne occupata l'universitÓ. Su Giurisprudenza svettava la bandiera nera, su Lettere il drappo rosso". A ricostruire in un'intervista a "Libero" gli anni del "'68 nero" Ŕ il leader storico del Msi Giulio Caradonna che partecip˛ agli scontri del 16 marzo 1968, all'universitÓ La Sapienza di Roma.

"E' a quel punto che Arturo Michelini, confermato segretario del Msi dopo il brutto congresso di Pescara, ordina l'intervento contro gli agitatori dell'ateneo. E lo fa con un preciso ordine dato ai responsabili del partito e della destra giovanile: Pietro Cerullo, Massimo Anderson, Cesare Mantovanini e Giorgio Almirante" racconta ancora Caradonna ricordando, nell'intervista raccolta da Gerardo Picardo, gli eventi per i quali fu accusato di aver guidato le violenze.

Eventi riguardo ai quali oggi Caradonna rivela: "Fu Almirante a guidare i nostri per farsi perdonare l'accordo col segretario missino Michelini al congresso di Pescara". "Furono radunati giovani da tutt'Italia. Entrarono nell'universitÓ. Vedete le foto: Almirante, che era in seconda fila, per dimostrare la propria fedeltÓ a Michelini, -continua- chiese di essere lui a guidare l'assalto. Quel giorno fu l'esecutore materiale dell'ordine di Michelini. Gli scatti in bianco e nero lo inchiodano mentre dÓ l'assalto a Lettere. E' lui a guidare la carica delle 'truppe' del Msi, io arrivai in un secondo tempo".

(Rre/Pe/Adnkronos)