SICUREZZA: AL VIA PROGETTO 'AVICRI' PER LE VITTIME DEL CRIMINE
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


SICUREZZA: AL VIA PROGETTO 'AVICRI' PER LE VITTIME DEL CRIMINE

Roma, 29 mar. (Adnkronos) - Lunedi’ 31 marzo, alle ore 10.30, presso la scuola di perfezionamento per le forze di polizia a Roma, P.zza di Priscilla 6, avra’ inizio il 1° modulo previsto dal progetto A.Vi.Cri. (Attention for victimis of crime) approvato e finanziato dalla commissione europea nell’ambito del programma comunitario di cooperazione “Daphne II”.Il corso si sviluppera’ in 7 moduli ed interessera’ circa 150 formatori (funzionari ed ufficiali) appartenenti alle tre forze di polizia.

Il programma si propone, nel quadro delle piu’ generali strategie di prossimita’, il perfezionamento delle capacita’ degli operatori delle forze di polizia nell’approccio con le vittime del crimine, con particolare riguardo alle categorie piu’ vulnerabili come le donne, i bambini e i familiari delle persone scomparse, nonche’ di elevarne la professionalita’ per rendere piu’ agevole ed efficace il dialogo con persone in difficolta’ o in stato di sofferenza per un crimine subito.

Il progetto, e’ coordinato dalla facolta’ di psicologia 2 dell’universita’ La Sapienza di Roma e dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale con il coinvolgimento di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, nonche’ della Regione Lazio e delle associazioni “Differenza Donna” e “Telefono Rosa”.

Sono partner del progetto il Ministero dell’Interno tedesco (Lower Saxony) ed il comando della polizia inglese (Devon and Cornwall). La partnership e’ stata estesa alla metropolitan police di Londra – Scotland Yard.

I docenti di cinque aree tematiche, giurisprudenza, sociologia, tecnica professionale, medicina legale e psicologia, provenienti da realta’ professionali operative, dal mondo universitario e della ricerca, presenteranno tecniche e strategie funzionali di relazione con la vittima, per garantire la migliore assistenza psicologica ed il relativo sostegno.

(Sin/Pe/Adnkronos)